UNO SHOW DI EDU VARGAS, CON IL POKER DI DZEMAILI, PIEGANO L’AIK SOLNA, OTTIMA PARTENZA IN EUROPA LEAGUE

UNO SHOW DI EDU VARGAS, CON IL POKER DI DZEMAILI, PIEGANO L’AIK SOLNA, OTTIMA PARTENZA IN EUROPA LEAGUE src=

Napoli (3-5-1-1): Rosati, Gamberini, Fernandez, Aronica, Mesto, Behrami, Donadel (55’ Dzemaili), El Kaddouri (46’ Hamsik), Dossena, Insigne, Vargas (80’ Zuniga). Panchina: De Sanctis, Cannavaro, Uvini, Pandev. Allenatore: Frustalupi.

Aik Solna (4-2-2): Turina, Lorentzson, Karlsson, Majstorovic, Johansson, Lalawele, Danielsson (81’ Lundberg), Borges, Mutuba (70’ Quaison), Bangura, Karikari (80’ Goitom). Panchina: Stamatopolous, Backman, Moro, Gustvasson. Allenatore: Andreas Alm

Arbitro: Clement Turpin. Assistenti di linea: Frederic Cano-Nicolas Danos. Assistenti di porta: Ruddy Buquet-Olivier Thual. IV uomo: Laurent Stien

Marcatori: 6’, 46’, 69’ Eduardo Vargas, 91’ Dzemaili

Ammoniti: 44’ Donadel, 75’ Johansson, 89’ Bangura

Espulsi: 75’ Hamsik

Minuti di recupero: 0’ p.t., 3’ s.t.

Pre-partita: Al San Paolo va di scena il primo turno di Europa League del girone F per il Napoli. Mazzarri ricorre ad un ampio turnover contro gli svedesi dell’Aik Solna. Queste le scelte del mister toscano: in porta agirà Rosati, la difesa a tre è composta da Gamberini-Fernandez-Aronica, a centrocampo sulle fasce troviamo Mesto-Dossena, in mediano figura il trio composto da Behrami, Donadel ed El Kaddouri, completano la formazione il duo d’attacco con Insigne a supporto di Eduardo Vargas. Negli ospiti la formazione è quella annunciata alla vigilia, da tenere d’occhio il difensore Majstorovic e il temibile attaccante Bangura.

Primo tempo: Il Napoli parte subito forte cercando di imprimere la propria superiorità sulla gara, al 5’ minuto lancio di Mesto per El Kaddouri che viene pescato in fuorigioco. Al 6’ gran sventagliata dalle retrovie di Gamberini che imbecca Edu Vargas, stop in aerea per il cileno e tiro forte che non lascia scampo al portiere svedese, azzurri in vantaggio e prima rete dell’attaccante con il Napoli. L’Aik Solna cerca di reagire allo svantaggio, all’11’ cross di Lalewele e colpo di testa alto di Karikari. Edu Vargas si mette ancora in mostra con una buona azione al 16’ cercando Mesto sulla destra, ma il laterale viene anticipato da Johansson. Fase di stanca del match che viene spezzata da un cross al 26’ di Mutumba in area del Napoli, smanaccia Rosati poi vari rimpalli su cui interviene definitivamente Fernandez. Al 30’ bella giocata di Insigne fuori area, spalle alla porta rientra sul destro e sfiora il palo. Mutumba lancia Bangura al 32’, tiro di sinistro che centra Rosati in uscita. Al 38’ bel tiro di Danielsson da fuori area e ottima parata di Rosati, sul seguente calcio d’angolo, colpo di testa di Karakiri che appoggia tra le mani del portiere azzurro. Al 45’ l’arbitro manda tutti negli spogliatoi, azzurri in vantaggio, con qualche sofferenza nel finale.

Secondo tempo: Pronti via ed Insigne serve centralmente Edu Vargas che davanti al portiere non sbaglia, 2-0 e doppietta per il cileno. Il Napoli è in pieno controllo della gara e al 13’ Lalewele tenta un tiraccio di destro che termina sul fondo. Al 16’ ancora Napoli, Dzemaili per Hamsik, cross per Vargas che non ci arriva per un soffio. Ancora Vargas illumina il San Paolo, al 23’ grande aggancio incursione in area e rete del 3-0, tripletta di ottima fattura per Edu. Al 29’ Hamsik, entrato al posto di un deludente El Kaddouri, viene espulso per un fallo di reazione su Johansson, peccato. Quando ormai il match sembra non abbia più nulla da chiedere arriva il poker di Dzemaili, al 46’ tiro da fuori area e il pallone finisce in rete, aiutato da una piccola deviazione di un difensore svedese. Dopo 3’ minuti di recupero l’arbitro francese manda tutti negli spogliatoi. Il Napoli delle cosiddette riserve disputa un’ottima partita contro i modesti svedesi, da sottolineare la grandissima prova del cileno Eduardo Vargas, che in una gara sola, riesce a trovare i primi tre gol in maglia azzurra. Ottimi segnali per un Napoli che può contare su un’altra freccia tra le opzioni del suo arco. La panchina quest’anno, in alcuni elementi, sembra finalmente offrire buone garanzie a Walter Mazzarri. Continua intanto l’imbattibilità del talismano Frustalupi. Ora ci aspetta la difficile trasferta di Catania, ma intanto ci godiamo questa vittoria con tanto di iniezione di ulteriore fiducia per il cammino prossimo dei partenopei.

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »