Un pareggio che ipoteca la qualificazione. E anche il primo posto è ancora possibile..

 

 

Corto, compatto, determinato e concentrato. E’ il Napoli che non ti aspetti, quello formato Champions che nel tempio del calcio conquista un punto prezioso in ottica qualificazione. In primis, c’è da sottolineare come questo pareggio rende il cammino per la qualificazione ancor più agevole: al Napoli basterà non perdere il 10 dicembre in casa col Genk per poter festeggiare la qualificazione agli ottavi di Champions. Ma gli azzurri potrebbero anche ritrovarsi primi nel girone, vincendo la gara col Genk e sperando in una non vittoria del Liverpool in casa del Salisburgo. Insomma la prestazione maiuscola offerta dagli uomini di Ancelotti in terra inglese, ha dimostrato come questa squadra ha a disposizione qualità di tutto rispetto e che fino ad ora si è vista solamente nelle notti di Champions, ad esclusione della gara col Genk. Il pareggio conquistato in casa del Liverpool, costringerà anche i campioni d’Europa a dover affrontare col massimo impegno il Salisburgo e quindi la vittoria degli austriaci al cospetto del Liverpool( unico risultato che metterebbe a rischio la qualificazione degli azzurri), appare un qualcosa di estremamente complicato. Insomma il Napoli, con la miglior prova offerta da due mesi a questa parte, ha praticamente tracciato la strada per accedere alle sedici squadre più forti del continente, un qualcosa che nell’era De Laurentiis è accaduta solamente in due occasioni. Il pareggio di stasera, oltre a spianare la strada per la qualificazione agli ottavi dovrà dare anche la spinta per risalire in campionato: per ora il Napoli si è regalato una notte importante, che da consapevolezza anche per le future gare in Champions League, anche perché che il Napoli formato Champions possa perdere in casa col Genk è un qualcosa di altamente improbabile.

A proposito dell'autore

Saverio Quatrano

Post correlati

Translate »