UN CINICO NAPOLI ESPUGNA IL BARBERA CON TRE RETI, OTTIMA VITTORIA IN UNA PARTITA SENZA STORIA

UN CINICO NAPOLI ESPUGNA IL BARBERA CON TRE RETI, OTTIMA VITTORIA IN UNA PARTITA SENZA STORIA src=

Palermo (3-5-2): Ujkani, Cetto, Munoz, Von Borgen, E. Pisano, Donati (55’ Rios), E. Barreto (80’ Budan), Bertolo, Brienza (28’ Migliaccio), Miccoli, Hernandez. A disposizione: Benussi, Milanovic, Morganella, Garcia Santiago, Di Matteo, Brichetto, Sanseverino, Viola. Allenatore: Sannino

Napoli (3-5-1-1): De Sanctis, Campagnaro, P.Cannavaro, Britos, Maggio, Behrami, Inler (76’ E. Vargas), Hamsik (90’ Donadel), Aronica, Insigne (60’ Dzemaili), Cavani. Panchina: Rosati, Colombo, F.Fernandez, Gamberini, Grava, Donadel, Bariti. Allenatore: Mazzarri

Arbitro: Orsato di Schio. Assistenti di linea: Vuoto-Cariolato. Assistenti di porta: Celi-Giannoccaro. IV uomo: Musolino

Marcatori: 48’ Hamsik 79’ Maggio, 88’ Cavani

Ammoniti: 43’ Von Borgen, 49’ Bertolo, 60’ E. Barreto, 61’ Aronica, 80’ Britos, 91’ De Sanctis

Minuti di recupero: 3’ p.t 4’ s.t.

Pre-partita: esordio difficile al Barbera per gli azzurri di Walter Mazzarri, senza gli squalificati Pandev, Zuniga e Dossena, dopo le note vicende di Pechino. Questa la formazione scelta dal tecnico toscano: in porta agirà De Sanctis, mentre in difesa troviamo Campagnaro-P.Cannavaro-Britos. Sulle fasce abbiamo Maggio e Aronica, in mediana figura il trio composto da Behrami, Inler e Hamsik, completano la formazione il duo d’attacco con Insigne a supporto da Cavani. Nei padroni di casa spicca l’assenza di Ilicic, che viene sostituito dall’uruguaiano Hernandez, per il resto la formazione di Sannino è quella annunciata alla vigilia.

Primo tempo: dopo appena 30” Ujkani si esibisce con un pericolosissimo dribbling su Insigne, il Napoli parte convinto ed aggressivo. Al 3’ Munoz chiude su Insigne, sul calcio d’angolo seguente Donati anticipa Britos. Dopo 6’ primo tiro del Palermo con capitan Miccoli, botta da fuori, ma la palla termina sul fondo. Al 10’ minuto un siluro di Hamsik da fuori area non inquadra lo specchio della porta. Su un cross di Campagnaro respinge male Ujkani, la palla va sui piedi di Hamsik che tira e viene murato, siamo al 16’. Al 17’ slalom di Cavani che supera in dribbling due uomini, prova il tiro ma chiude Cetto. Miccoli al 19’ batte una punizione che si spegne sulla barriera. Brienza si fa male da solo in mezzo al campo, al 28’ entra al suo posto Migliaccio. Un super De Sanctis chiude al 31’ su un colpo di testa di Pisano. Al 34’ Migliaccio cade da solo in area, l’arbitro gli fa segno giustamente di rialzarsi. Maggio appoggia di testa per Cavani che a due metri dalla porta coglie la traversa, clamoroso il gol fallito al 41’ dal Matador. Maggio mette un pallone in area per Marek Hamsik, bellissimo tiro di destro sul primo palo che non lascia scampo ad Ujkani, il Napoli va sull’ 1-0 al 48’. Dopo 3’ di recupero l’arbitro manda le squadre negli spogliatoi, gli azzurri chiudono meritatamente in vantaggio con un gioiello dello slovacco Hamsik, peccato per l’errore di Cavani sotto porta.

Secondo tempo: inizia la seconda frazione, Hernandez lancia per Bertolo in area che simula platealmente e viene ammonito. Al 50’ Hamsik imbecca Insigne in area, il guardalinee segnala giustamente il fuorigioco. Cavani apre per Maggio che serve in mezzo per Hamsik, destra a giro al 55’ che termina di poco fuori. Insigne viene colpito da crampi al 58’, purtroppo non riesce a rientrare e viene sostituito dallo svizzero Dzemaili. Su punizione di Miccoli interviene Cetto che mette in difficoltà De Sanctis, probabile intervento scorretto di Maggio sul difensore rosanero, siamo al 64’. Inler si fa anticipare da Bertolo al 67’, tiro e facile parata di De Sanctis. Tiro di Miccoli al 73’ in area, chiude bene Aronica che manda in angolo, sulla battuta libera Cavani di testa. Hamsik illumina il campo con un lancio bellissimo per Maggio, perfetto inserimento dell’esterno azzurro che con un diagonale forte e preciso buca Ujkani, al 79’ siamo sul 2-0. All’88’ Dzemaili lancia per Edu Vargas che si insinua in area e serve sulla testa di Cavani un pallone da spingere solo in rete, è il 3-0 del Napoli che chiude definitivamente la partita. Dopo 4’ di recupero l’arbitro fischia la fine di un match che ha avuto poca storia. Il Napoli inizia nella maniera migliore la nuova stagione con una vittoria convincente, da sottolineare la grandissima prestazione di Marek Hamsik. Ora non ci resta che vedere se dal mercato arriverà ancora qualche acquisto, fiduciosi per una squadra che promette grandi cose.

A proposito dell'autore

Post correlati

Translate »