TUTTI I PRECEDENTI TRA UDINESE E NAPOLI

TUTTI I PRECEDENTI TRA UDINESE E NAPOLI src=

L' originalità di quel 2 -2 era un segno inequivocabile che fosse di nuovo l' anno giusro. Quel 14 gennaio 1990, il Napoli di Bigon scese in campo al " Friuli " di Udine, contro una compagine in lotta per non retrocedere ( cosa che purtroppo avvenne per le " zebrette " a fine anno ), nell' unica fase – no di una stagione -si. Gli azzurri si trovavano in testa alla classifica con due e tre punti di vantaggio, rispettivamente su Inter e Milan. Al minuto 86 di quell'  Udinese – Napoli, l' aggancio per i nerazzurri del Trap ( vincitori per 3 -0 sul Bologna ) pareva cosa  fatta; i bianconeri avevano raddoppiato il gol iniziale al 4° minuto realizzato di testa dall' ex- azzurro De Vitis, con una staffilata dal limite di Luca Mattei, già protagonista del primo gol, nato da un suo cross smarcante. Sembrava finita, ma Diego, abulico sino a quel momento, ebbe un tremendo sussulto d' orgoglio. Prima realizzò un penalty all' ottanttotesimo, poi, incaponendosi fantasticamente nel corso di un' azione sulla sinistra, riuscì a mettere al centro un pallone più che invitante. Il piccolo grande Zola, in campo con il numero 15, colpisce di testa per la verità non in maniera troppo forte dall' altezza del dischetto del rigore. Fortunatamente però, la respinta del portiere Abate ( padre di Ignazio, al Napoli nel 2004 -'05 ) è alquanto difettosa; sul pallone, al minuto 91 e 17 secondi, si avventò come un falco Giancarlo Corradini, siglando in extemis un insperato e preziosissimo 2 -2, lasciando sé e i suoi compagni ancora in testa da soli, come succederà anche alla fine…Anche nella stagione del primo scudetto ( 1986 – '87 ), il campo di Udine arrise a Diego e c. Proprio una doppietta del “ Pibe de oro “, insieme ad una rete nel dinale di “ Rambo “ De Napoli, regalarono ad Ottavio Bianchi un bel successo per 3 -0. Maradona mise a segno due reti anche nel 1984 -'85 ( anno del suo esordio in Italia ), facendo letteralmente infuriare il fuoriclasse brasiliano Zico, che ( per la verità a ragione ), molto si lamento del gol del pareggio, siglato con un' astuta “ marachella “ da Diego, che colpì ( stile Inghilterra a Messico 1986 ) la sfera con il pugno. Viceversa nel 1986, sarà un grande protagonista dei trionfi azzurri, al secolo Andrea Carnevale, a centrare la doppietta vincente del 2 -0 con un gol per tempo, in un match in cui assai si lagnò la “ Bianchi Band “ dell' operato dell' arbitro  Solo in altre due occasioni, sui 28 incontri disputati complessivamente ad Udine, il Napoli ha compiuto il lungo viaggio a ritroso   con in tasca i due punti. Ciò è accaduto il 7-1-1951 e il 28-3-1982, sempre con il risultato finale di 0 – 1. L'  albanese Kriezu e Oscar “ Flipper “ Damiani gli autori dei punti decisivi.Ben quindici sono stati i pareggi, mentre l' Udinese è riuscita ad imporsi in dieci occasioni. Eclatante la vittoria della stagione 1957 -'58, con un Fontanesi scatenato autore di una tripletta, nell' umiliante ( per il Napoli ) 7 – 0 finale !. I primi Udinese – Napoli si giocarono in B nel 1943 e nel 1950 ( 1- 1 e 3 -2 ), con entrambe le formazioni a festeggiare la promozione nel corso dell' anno santo. Alla già citata vittoria del 1951, seguirono tre pareggi, con quello del 1953 -'54 particolarmente divertente per chi ebbe la fortuna di assistervi. Napoli k.o pure nel '55 e nel '57 ( 3 -0 e 2 -1 ). Fra il 1959 ed il 1964 ecco altri 4 pareggi ( due 1 -1 e due 0 -0 ). prima del ritorno dei friulani in serie A avvenuto nella stagione 1979 -'80, quando il confronto si chiuse nuovamente a reti bianche. Invece, grazie ad un gol nel finale messo a segno da Manuel Gerolin ( giustiziere del Napoli anche con la Roma nel 1986 ), l' Udinese riuscì ad evitare la retrocessione l' anno dopo ( 1980 -'81 ), battendo per 2 -1 il Napoli dei miracoli di Rino Marchesi. Di nuovo teminò 0 -0 nel 1983, mentre l' Udinese di Zico, Mauro, Virdis e Causio surclassò per 4 -1 il Napoli di Santin, l' ultimo giorno dell' anno di grazia 1983 ( gol della bandiera realizzato manco a dirlo da Beppe Bruscolotti ). I friulani si impongono nettamente pure nel '93 e nel '94 ( 2 -0 e 3 -1 ), come anche nel 1996 ( 3 -2 ), nonostante le prodezze di Pecchia e Agostini. Infine, per terminare il nostro revival, da ricordare altri tre pareggi. Due a due nel 1997 ( ancora in gol l' Avvocato Pecchia ), 1 -1 con gol di Claudio Bellucci nel 1998, 0 -0 con il rimpianto di una grossa parata del portiere udinese Turci al minuto 87, dell' incontro svoltosi il 27 -05 -2001, su una bella conclusione dal limite  di un giovanissimo Amauri. Vincendo quella partita, il Napoli avrebbe evitato la retrocessione in serie B, e forse chissà, almeno parte dei guai societari che seguirono a quell' infausta stagione. Ora però, che le difficoltà sembrano far parte dell' album dei ( tristi ) ricordi, sarebbe il caso, che dopo la bellezza di vent' anni, il fiulano d.o.c. Reja con i suoi adepti, facesse nuovamente sorridere le sterminate legioni di appassionati partenopei, tornando vincitore dal “ Friuli “. Forza azzurri!!!                

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »