TREVISANI (SKY SPORT): “RIBADISCO, CAVANI E’ UN MOSTRO. PERO’ LA SQUADRA LO ESALTA. INSIGNE MERITA IL POSTO DA TITOLARE. CON I TITOLARI SI PUO’ VINCERE L’EUROPA LEAGUE”

Il giornalista sportivo della piattaforma satellitare è intervenuto ai nostri microfoni affrontando diverse tematiche inerenti il Napoli: la lotta ai vertici, il proseguo in Europa League, la rosa partenopea tra gli innesti che mancano e i valori aggiunti.

 

La Juventus torna a più quattro in vetta alla classifica, come si potrà svilupperà la lotta scudetto?

"La Juve è la mia favorita per lo scudetto. E lo rimane per i seguenti presupposti: rosa più lunga, difesa più solida. In serie A, attualmente, questi aspetti bastano e avanzano per archiviare il tricolore." 

Il Napoli, invece, soffia due punti preziosi all'Inter. Il gruppo di Mazzarri potrà ritornare ad insidiare la Juventus?

"Come dicevo la Juve è superiore a tutte le inseguitrici. Poi per il secondo posto preferisco il Napoli all’Inter. Anche se la lotta sarà bella lunga. Entrambe possono andare in Champions e arrivare almeno in semifinale di Europa League." 

 

A questo punto della stagione, quali sono i punti di forza e quelli da correggere degli azzurri?

 

"Il gioco, l'affiatamento e Cavani sono sicuramente i punti di forza. La voglia di fare troppo turnover può essere un handicap." 

Come giudica l'operato di Bigon e degli osservatori in ottica mercato?

"Secondo me il Napoli si è rinforzato rispetto all'anno passato. Gradualmente diventerà sempre più competitivo."  

 

Le sue opinioni sul caso Vargas. Come interpreta questo acquisto da parte della dirigenza partenopea?

"Una buona intuizione in senso lungimirante che non ha dato nell'immediato i suoi frutti. Non sono convinto sia una punta centrale. E comunque può crescere solo giocando con una certa continuità. Meglio se verrà ceduto in prestito ad una squadra che gli permetta di raccogliere più minutaggio nelle gambe." 

Le scelte di Mazzarri ricadono sempre sullo stesso modulo e su determinate gerarchie fatte di titolarissimi e alternative. E' senz'altro un punto stabilito con la società, come più volte ribadito, ma non sarebbe il caso di adeguarsi di più all'avversario o di schierare gli uomini più in forma?  

"Assolutamente si. Troppo turnover non va bene e gerarchie troppo rigide sono un errore grave a tutti i livelli."

Reputa tutte le seconde linee del Napoli all'altezza dei titolari? 

"No, per niente. Credo che quelli buoni siano in tutto 16 e non 22. Ma non e' nemmeno tutto da buttare. Bisognerebbe mischiare, non fare due squadre diverse." 

Cosa manca realmente al Napoli per consacrarsi definitivamente come grande squadra?

"La continuità di risultati. Unica panacea di tutti i mali."

Mazzarri ha saputo leggere la partita contro il Genoa cambiando Campagnaro con Mesto, scelta rivelatasi importante per il momentaneo pareggio, ma la scossa è arrivata con l'apporto di Insigne entrato in campo anzitempo per l'infortunio imprevisto di Pandev. L'allenatore azzurro si sarà convinto di dare maggiori chance da titolari al talento di Frattamaggiore?

"Come dicevamo prima, Mazzarri crede profondamente nelle gerarchie. Anche troppo, di fatto esagerando. Per me Insigne in questo momento è meglio di Pandev per non parlare poi del suo immenso valore prospettico."

La finestra del mercato di riparazione si avvicina, come potrà essere sfruttata dal Napoli? 

"Un difensore, un centrocampista, un attaccante e Vargas in prestito per osare di più se si vuole puntare a vincere qualcosa di veramente importante."

Lei segue anche il campionato spagnolo, oltre a curare le telecronache principali del campionato italiano. C'è qualche giocatore della Liga che potrebbe fare al caso del Napoli? 

"Fernando Amorebieta Mardaras dell'Athletic Bilbao. Gran difensore centrale classe 85 di origini venezuelane ma con cittadinanza spagnola. Abbina alla stazza fisica, è alto 1.92, una buona dose tecnica." 

Il Napoli è Cavani dipendente o il Matador riesce ad esprimersi al meglio perchè c'è una squadra che gioca per lui?

"Entrambe le cose. Cavani è un mostro, e tutti i compagni lo fanno rendere al meglio."

Crede che il Napoli abbia perso qualcosa con le cessioni di Lavezzi e Gargano? Dove, invece, ha tratto benefici per quanto riguarda il gioco?

"Nessuna perdita. Behrami sta ben figurando colmando alla grande l'assenza di Gargano e la coppia Insigne-Pandev vale più della punta argentina del Psg."

 

 

I sedicesimi sono alla portata del Napoli, secondo lei a patto che…?

"Mazzarri non cambi nove undicesimi tutte le volte. Con una squadra all'altezza, il Napoli può vincere la coppa. "   

Translate »