TO BE OR NOT TO BE

Il buongiorno ai lettori azzurri con l’attualità di giornata.

Essere o non essere? Restare nel cuore dei Napoletani o accettare il denaro fresco offerto da Torino? Un argentino qualche decennio fa seppe respingere il corteggiamento dell’avvocato Gianni Agnelli, avete capito di chi stiamo parlando, Diego Armando Maradona. Declinò le sirene del nord per diventare il calciatore più forte di tutti i tempi a Napoli, città con mille problemi e difficoltà, ma che in qualche modo al grande pibe ricordava le sue origini. “Mai” affermò Diego, “Mai tradirò il popolo Napoletano, in Italia non indosserò mai nessuna maglia al di fuori di quella azzurra”. Un vero patto di sangue.

Ma ci sono argentini e argentini. Dopo Maradona, Napoli ha amato un altro argentino, si tratta di Lavezzi, amore indissolubile quello tra Napoli e il Pocho, che ancora adesso viene idolatrato da tanti supporters Partenopei, e che rischia di rompersi, per un atto, che per i tifosi Napoletani è considerato profano, andare a giocare per la Juve.

Al momento di ufficiale non c’è ancora nulla intendiamoci, ma uno smacco del genere farebbe molto male a chi a Napoli l’ha amato, il caso Quagliarella insegna, ancora oggi all’attaccante di Castellammare non è stato perdonato il passaggio in bianconero.

Il consiglio che ci sentiamo di dare al Pocho è di seguire il cuore e non il Dio denaro, essere l’idolo di una città è una cosa che nemmeno i soldi ti può dare, e Pepe Reina può confermare. Vedremo come si evolverà la situazione, nel frattempo vogliamo ricordarlo così, quando nella finale di Coppa Italia del 2012 non abbracciò Barzagli. Ancora una volta Pocho, pensaci, non abbracciarli!

 

image

A proposito dell'autore

Salvatore Stiletti

Post correlati

Translate »