Thauvin: un talento tutto da comprendere

 

Thauvin

Thauvin si è sempre distinto per velocità e abilità nei dribbling. Possiede una struttura fisica (179 cm x 70 kg) che lo rende resistente ai contrasti e quasi imprendibile sul lungo. Inoltre, l’ala si esalta nel breve grazie all’ottima tecnica di base, la rapidità di esecuzione e un’innata tendenza a saltare l’uomo sbilanciandolo con finte e cambi di direzione improvvisi.

Non a caso con 3.3 dribbling a partita (e gliene riescono più di 2 su 3), Thauvin rappresenta il terzo miglior dribblatore della Ligue 1, dietro solo al funambolico Neymar e Saint-Maximin.

Questo stile di gioco rischioso lo espone ancora a qualche pallone perso di troppo (specie quando riceve spalle alla porta e prova a girarsi).

Tuttavia nelle ultime due stagioni è innegabile che il classe ’93 francese abbia avuto, in virtù del rendimento più continuo, una crescita esponenziale in tutti gli indici statistici.

C’è un dato in particolare che sottolinea un’inedita incisività in zona offensiva, oltre a serenità e consapevolezza nei propri mezzi pienamente ritrovate.

Dopo il già citato brasiliano del PSG e Leo Messi, Thauvin è stato infatti il terzo giocatore del vecchio continente a raggiungere la doppia cifra sia in gol che in assist in questa stagione.

Oggi rappresenta il primo marcatore del Marsiglia con 25 reti e ha servito ai suoi compagni ben 13 passaggi decisivi, il che, tradotto in percentuali, significa aver contribuito in modo diretto a più del 40% del totale dei gol siglati fin qui dalla squadra di Rudi Garcia.

Anche il suo stile di gioco, prettamente individualista, ha subito un’evoluzione significativa. Thauvin nasce contropiedista. L’Europa si è accorta di lui il 30 marzo 2013, quando a Valenciennes divorando 80 metri di campo in pochi secondi ha firmato una rete memorabile.

Successivamente Bielsa ha saputo inculcargli tre concetti base: il pressing alto, la propensione alle coperture difensive (che a volte finivano per renderlo poco lucido davanti) e la verticalità.

Un talento da tenere sott’occhio, e ha le caratteristiche giuste che servirebbero ad una squadra come il Napoli.

Translate »