Taglialatela: “L’arma in più del Napoli si chiama Rafa Benitez”

Pino Taglialatela, ex portiere del Napoli, è intervenuto su Radio Punto Zero: “La vittoria sulla Dinamo Mosca può essere uno stimolo anche per ripartire col piede giusto in campionato. L’arma in più del Napoli, in Europa League, si chiama Rafa Benitez. Vedo un Napoli che affronta le sfide europee con grande maturità. Higuain è stato straordinario, gli piace il palcoscenico internazionale: so che è rimasto male per essere uscito dalla Champions, ma sta facendo il possibile per riportare la squadra ai massimi livelli europei. Contro un attaccante come Higuain c’è poco da fare, devi solo lanciare la monetina e sperare che vada bene o che non sia in giornata. E’ fondamentale la fortuna. Io facevo questo ragionamento quando mi trovavo di fronte gente come Batistuta, l’argentino faceva gol in tutti i modi, anche su calcio di punizione con dei tiri che sembravano bombe. Attaccanti alla Van Basten sono difficili da fermare, ma puoi opporti come pure come con Weah. Verona-Napoli è una sfida importante, sono scaramantico, ma bisogna provare a vincere. Mandorlini sta facendo bene. Toni non è quello di un tempo, ma in una squadra come il Verona, quando ci sono i ritmi bassi, può sempre incidere: i compagni giocano per lui, sa fare gol. Anche se ha un’età, non va sottovalutato, fa a sportellate in attacco, si butta nello spazio. Mi farebbe piacere vedere le italiane in fondo in Europa League. In campionato c’è la Lazio a pari punti, non possiamo concedere altri errori. Dopo l’Inter ho sentito troppe critiche dai soloni: per 70 minuti il Napoli ha asfaltato gli avversari, poi nel finale bisognava fare le barricate. La soluzione è non mollare mai”. 

Translate »