START! ROAD TO UEFA CUP

START! ROAD TO UEFA CUP src=

Panionios – Napoli: la gara d’Intertoto, quella che traccia la via giusta verso l’Europa che conta, almeno per ora. Ironia della sorte, il Napoli riparte proprio dalla Grecia, quasi a voler ripercorrere la storia della sua creazione da Palepolis a Neapolis. Riparte da Atene per entrare nella leggenda, passando dalla serie C alla Coppa Uefa in tre anni. Pochi per una nuova gestione, troppi per chi ha dovuto aspettare ben quattordici lunghi e penosi anni prima di riabbracciare un piccolo sogno.  Napoli nella leggenda, è questo il grande obiettivo di Domenica. Sacrificio forzato per il Panionios, la città già invasa da centinaia di tifosi azzurri pronti a gridare, incitare e sostenere ancora una volta una squadra ritoccata alla meglio. Reja al primo vero esame della nuova stagione con i dubbi Gargano e Santacroce, che comunque dovrebbero aggregarsi al gruppo entro Domenica, ma con la certezza del solito 3-5-2, rinvigorito da Maggio, Denis e Rinaudo. Iezzo dovrebbe mantenere il suo posto tra i pali; nei tre di difesa Cannavaro, Contini e Santacroce con Rinaudo in ballottaggio; a destra il nuovo acquisto Maggio supportato da Hamsik, Blasi, Gargano e Savini, con Dalla Bona pronto a prendere il posto del centrale uruguayano nel caso in cui non dovesse recuperare; Denis è praticamente sicuro del posto, mentre c’è grande bagarre per chi dovrebbe supportarlo: in vantaggio sembrerebbe Bogliacino, ma le ultime buone prestazioni hanno alzato le quotazioni di Pià, che ha scavalcato anche De Zerbi. Tatticamente non dovrebbe cambiare nulla rispetto al Napoli dell’anno scorso: Denis fungerebbe da punta centrale con uno dei tre a supporto stile Lavezzi; centrocampo con Maggio pronto a spingere fino ad inserirsi in zona tiro, mentre Savini a sinistra sarebbe più portato a difendere la fascia scalando sulla linea difensiva.

Panionios che dovrebbe rispondere con il classico 4-4-1-1: Kresic tra i pali; difesa a quattro con Koutsopoulos sulla sinistra, Maniatis a destra e Makos nel mezzo con Diawara; centrocampo con Scoufalis sulla destra, Palaskas a sinistra e Majstorovic nel mezzo in compagnia di Kiliaras; in avanti Choutos fungerà da unica punta supportato da Barkoglou. Attenzione alle discese repentine del capitano Koutsopoulos, capace di arrivare fino al fondo per poi crossare nel mezzo. Barkoglou è l’uomo con maggior classe e potrebbe creare problemi fra le linee; Choutos, invece, proverà a fare peso portando la squadra a salire.Certamente il Panionios non è impossibile da battere, ma meglio diffidare. D’altro canto, anche i greci venderanno cara la pelle pur di entrare in Uefa. E’ arrivato il momento di riconquistare la storia per aprire una pagina di legenda. Reja si sente l’Aragones del Napoli, e allora…vamos!

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »