“Speriamo vada meglio”: il Napoli vince ma non convince …

“Tutto il resto è noia” cantava uno dei più grandi poeti romani.

Ed è proprio da Roma che prendiamo le mosse per l’editoriale di questa sera.

Da quel quattro a uno che ha illuso i più su un Napoli che potesse chiudere decentemente il campionato e gettare in Europa il cuore oltre l’ostacolo.

Problemi di modulo, problemi di tattica, problemi di condizione: tutto  il resto è noia, noia noia maledetta noia. Nei novanta minuti che hanno decretato la retrocessione dei veronesi, noi dobbiamo guardare in casa nostra e c’è poco da sorridere. Koulibaly ritorna al goal in aprile – e ce lo ricordiamo tutti l’ultimo goal primaverile del gigante azzurro quale alone di magia si portò dietro – oggi lo fa in una partita grigia, di un anonimo campionato giocato anche dalle stelle – o pseudo tali – senza particolare stomaco e ambizione.

Novanta minuti che con estrema onestà intellettuale si fatica a commentare, soprattutto quando alle porte c’è la sfida di ritorno con l’Arsenal di Emery.

Ancora prove, ancora gioca chi evidentemente non ha testa ne gambe e i tifosi sonnecchiano sui divani di casa.

Nel secondo tempo segna Milik, l’unico a tirare in porta – bene o male che sia – ed è su di lui che imprescindibilmente Ancelotti dovrebbe costruire la squadra per provare l’impresa contro i Gunners.

Costruire attorno al polacco – questa sera l’unico davanti a stringere forte i denti – perché nell’ultima gara importante della stagione, l’unica che potrebbe capovolgere questa barca storta e spingerla fievolmente verso un successo, non dovrà esserci spazio per gli esperimenti e tantomeno gli egoismi.

Tutti uniti per raggiungere l’obiettivo .

Ci speriamo, lo vogliamo. Continuare a sognare, ma da svegli anzi sveglissimi: non meritiamo di annoiarci, il gigante d’ebano che abbiamo in difesa è sembrato accennarcelo timidamente con la sua esultanza sul 3 a 0 all’ottantesimo.

C’è spazio per il goal dell’orgoglio del Chievo, rete che potrebbe essere un cattivo presagio.

A giovedì sera, con l’augurio di farcela e raggiungere una gioia…

Translate »