Sofferenza e vittoria sinonimi di maturità

Al Vigorito va in scena il derby Benevento-Napoli, motivazioni differenti spingono le compagini scese alle 15:00 sul campo di gioco ad ottenere la posta in palio maggiore, ossia i 3 punti.

Gattuso parte con il consueto 4-2-3-1, Mario Rui torna a sinistra, mentre Insigne rientra dal primo minuto, Bakayoko diga a centrocampo, mentre Osimhen guiderà l’attacco. Risponde Inzaghi con il 4-3-2-1, con Roberto Insigne titolare pronto a sfidare il fratello Lorenzo, Lapadula unica punta.

PRIMO TEMPO

Il match inizia su ritmi contenuti, i padroni di casa sono molto determinati nel pressing e a chiudere le linee di passaggio, gli azzurri prediligono come sempre il possesso palla, con dedizione e pazienza. Al 16′ azione manovrata alla perfezione tra Mario Rui ed Insigne, Osimhen accomoda in rete il delizioso cross, ma il VAR chiama il fuorigioco giusto. Al 21′ clamorosa svista di Doveri che, con l’ausilio di Valeri al VAR non concede un rigore netto ai danni di Lozano da parte di Foulon che spinge il messicano alle spalle facendogli perdere l’equilibrio. Al 29′ il Benevento sblocca la gara, inserimento di Roberto Insigne premiato da Lapadula che regala al napoletano la prima gioia in Serie A. Il Napoli reagisce, movimenta la partita con due occasioni nitide, una sui piedi di Insigne che con un tiro a giro mette in condizione Montipó a compiere un miracolo, l’altra sulla testa di Manolas che scheggia la traversa su calcio d’angolo. Si conclude così il primo tempo.

SECONDO TEMPO

Si raparte da dove si era conclusa la prima frazione di gioco, la squadra di Gattuso continua ad attaccare, al 49′ Insigne entra in area e segna il pareggio su tiro ravvicinato, ma ancora il VAR ad intervenire, su servizio di Fabian in precedenza il capitano risulta al di là della linea difensiva beneventana. Al 59′ ancora Lorenzo il magnifico pennella una conclusione imparabile per Montipó che suggella il pareggio, quasta volta regolare. Al 66′ Insigne sfiora la doppietta anticipando il compagno di squadra Osimhen sul colpo di testa uscito di poco sopra la traversa. Ma al 67′ Politano serve su un piatto d’argento a Petagna il vantaggio partenopeo ed il primo gol con la maglia azzurra. Il Benevento non si arrende e al 83′ Maggio si inserisce lateralmente colpendo la palla di testa, bravo Meret a respingere. Al 93′ Politano scheggia il palo alla destra del portiere su conclusione insidiosa. Finisce così la gara del Vigorito.

TABELLINO

BENEVENTO (4-3-2-1): Montipò; Letizia, Glik, Caldirola, Foulon (Maggio 63′); Dabo (Improta 63′), Schiattarella, Ionita; R. Insigne (Di Serio 77′), Caprari (Tuia 52′); Lapadula (Sau 63′). All. Inzaghi

NAPOLI (4-2-3-1): Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Bakayoko (Demme 73′), Fabian Ruiz (Lobotka 87′); Lozano (Politano 58′), Mertens (Petagna 58′), Insigne (Ghoulam 87′); Osimhen. All. Gattuso

 

ARBITRO: Doveri

ASSISTENTI: Rocca ed Affattato

VAR: Valeri

 

Marcatori: R.Insigne 29′, L.Insigne 59′, Petagna 67′,

Ammoniti: Caprari 44′, Foulon 57′, Glik 84′, Politano 95′

Espulsi:

Recupero: 0 min p.t, 6 min s.t

 

 

 

A proposito dell'autore

Francesco Reale

Mi chiamo Francesco Reale, sono nato a Napoli ed ho 22 anni. Mi sono diplomato all’I.S.S Giancarlo Siani di Napoli ed attualmente frequento il terzo anno di università, presso la Federico II di Napoli, alla facoltà di lingue, culture e letterature moderne europee.

Post correlati

Translate »