SCIVOLONE NAPOLI, IL CUORE NON BASTA

SCIVOLONE NAPOLI, IL CUORE NON BASTA src=

Atalanta (4-4-1-1): Consigli, Bellini, Stendardo, Manfredini, Brivio, Schelotto ( 85’ Raimondi), Carmona, Cazzola, Bonaventura, Maxi Moralez ( 81’ De Luca) , Denis. Panchina: Frezzolini, Polito, Lucchini, Troisi, Scozzarella, Matheu, Marilungo, Parra, Palma, Gagliardini. Allenatore: Colantuono.

Napoli (3-4-1-2): De Sanctis, Campagnaro, Cannavaro, Gamberini ( 69’ Mesto), Maggio, Inler, Behrami ( 54’ Dzemaili) , Dossena ( 76’ Vargas), Hamsik, Insigne, Pandev. Panchina: Rosati, Colombo, Aronica, Fernandez, Grava, Uvini, Donadel, El Kaddouri. Allenatore: Mazzarri.

Arbitro: Orsato di Schio. Assistenti di linea: Galloni-Musolino. Assistenti di porta: Bergonzi-Ciampi. IV uomo: Liberti.

Marcatori: 19’ Carmona

Ammoniti: 27 Cannavaro, 30’ Cazzola, 33’ Pandev, 42’ Carmona, 80’ De Sanctis

Minuti di recupero: 0’ p.t 3’ s.t.

Pre-partita: Trasferta insidiosissima per il Napoli all'Atleti Azzurri d'Italia di Bergamo. L'obiettivo è vincere per rimanere nella scia della Juventus e continuare la marcia positiva in questo ottimo inizio di campionato. I padroni di casa, privi due pedine importanti come Peluso e Cigarini squalificati, si schierano con Consigli in porta, difesa a quattro con Stendardo e Manfredini al centro Brivio-Bellini sulle fasce, a centrocampo agiranno Schelotto, Carmona, Cazzola e Bonaventura, completano la formazione il duo d'attacco Maxi Moralez-Denis. Gli azzurri, con due assenze pesanti per infortunio di Zuniga e Cavani, rispondono con De Sanctis tra i pali, difesa a tre composta da Cannavaro, Campagnaro, Gamberini, a centrocampo in mezzo Inler e Berhami con Maggio e Dossena sulle fasce, in avanti agirà il trio composto da Hamsik, Insigne e Pandev.

Primo tempo: La prima emozione arriva al 3’ con Dossena che prova in aerea il sinistro a volo, ma non gli riesce. L’Atalanta risponde al 5’ con un cross di Denis per Maxi Moralez che riesce a colpire ma trova solo l’esterno della rete. Maggio di testa appoggia per Insigne in area che lascia partire un gran diagonale, Consigli si supera e devia in angolo, siamo al 15’. Al 19’ un pallone in area viene appoggiato fuori per l’accorrente Carmona che di destro al volo fulmina De Sanctis, l’Atalanta passa in vantaggio. Gli azzurri provano subito a reagire con un calcio d’angolo battuto da Insigne su cui si avventa Hamsik di testa, ma il pallone finisce di poco fuori. Fase di gioco molto nervosa in mezzo al campo con cartellini gialli che colpiscono due calciatori di entrambe le squadre. L’ultima emozione arriva al 42’ con un tiro da fuori area di Cannavaro senza grosse pretese, il primo tempo termina senza alcun minuto di recupero.

Secondo tempo: Il Napoli parte forte pressando l’Atalanta e cercando subito il pareggio, al 51’ su cross di Maggio, difesa orobica a vuoto e Insigne che sbaglia malamente la rete del pareggio. Ancora Napoli con una grande occasione per Hamsik, ma al 55’ lo slovacco si fa ipnotizzare dall’ottimo Consigli. Al 58’ i bergamaschi partono in contropiede, su imbeccata di Maxi Moralez , Denis spedisce di tacco sul fondo. Insigne al 63’ prova con il destro a beffare l’estremo difensore atalantino, ma la pronta respinta evita il gol. Ormai gli azzurri le provano tutte per pareggiare, ma la difesa orobica si difende bene e non concede spunti agli attaccanti. All’87’ bella palla di Hamsik per Maggio, il tiro dell’esterno viene deviato da Consigli in angolo, sullo stesso ancora Maggio di testa, ma la palla finisce di un soffio fuori. L’arbitro assegna 3’ di recupero, e l’ultimo assalto del Napoli produce l’ennesimo calcio d’angolo, sulla battuta ancora Maggio di testa sfiora clamorosamente il gol, ma stasera il pallone non vuole entrare, finisce 1-0. Brutta sconfitta per gli uomini di Mazzarri, che vedono la Juventus scappare e l’Inter prendersi la seconda posizione. Un ottimo Consigli e una sfortuna nelle conclusioni evitano di portare a casa un giusto pareggio, ma nel calcio capitano partite del genere. Purtroppo senza Cavani l’attacco è totalmente apatico, e questo è un bel problema che a gennaio va risolto in sede di mercato. Intanto domenica ci aspetta il Torino al San Paolo, sperando di dimenticare con una vittoria questa serata amara.

 

 

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »