Sarri: “Sono giorni un po’ particolari per noi”

Sarri è stato intervistato da Premium Sport: “Abbiamo fatto un primo tempo con più nervosismo del solito e non giocando il nostro calcio, facendo trascinare la partita sul piano fisico dove loro erano superiori a noi. Nel secondo tempo l’obiettivo era tornare su un palleggio veloce, e lo abbiamo fatto bene. Ho fatto un intervallo molto calmo, mi sembrava che la squadra avesse bisogno di tranquillità e lucidità. Ero arrabbiato per l’espulsione e sono curioso di vedere cosa verrà scritto, ho detto ‘questo è rosso, non è giallo’, le mie esatte parole, e sono stato espulso, non mi sta bene. Var? E’ una sperimentazione, il modo di farla funzionare più velocemente speriamo sia un passo in avanti. Abbiamo fatto un mese in cui ci siamo potuti allenare con continuità, abbiamo fatto delle partite in cui l’innalzamento dei volumi di allenamento lo abbiamo pagato, ed ora ne traiamo beneficio. Sono stati giorni particolari per noi, l’infortunio di Ghoulam ci ha colpito e segnato dal punto di vista emotivo. Stamattina si è fatto male, fortunatamente non con la stessa entità, Chiriches. Dal punto di vista morale ed emotivo abbiamo un po’ sofferto. Mario Rui? E’ chiaro che sta crescendo enormemente, veniva da una stagione dove ha giocato poche partite, ed aveva bisogno di giocare per esprimersi ai suoi livelli. Secondo tempo manifesto del Sarrismo? Abbiamo fatto bene, ho avuto la fortuna di vederlo dall’alto e mi so divertito, mi dava gusto. Cosa faccio mentre i ragazzi festeggiano sotto la curva? Beh ero su, e probabilmente stavo fumando. Vertigini da vetta? Cerchiamo di restare avulsi dalle sensazioni che possono arrivare dall’esterno, in positivo e negativo. Ma conoscendo questo pubblico, posso dire che è molto più maturo rispetto a quando lo si descriveva anni fa”.

A proposito dell'autore

Rosario Verde

Maturita’ classica. Attestato di Intelligence e Spionaggio Industriale conseguito presso L’Iscom, istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell’informazione.Giornalista, curatore di rubriche e membro della redazione presso il giornale cittadino “Zapping” di Casandrino. Amante del Latino, si definisce un malato della maglia azzurra. Lettura e scrittura, tecnologie, sport, viaggi sono i suoi hobby nel tempo libero.

Post correlati

Translate »