PIOVONO GOL

2 gol al Parma, 6 gol al Genoa, 0 gol incassati. Nelle prime due giornate. Quando gioca il Napoli piovono gol, e per ora sono tutti realizzati dagli uomini di Gattuso. Apparentemente sembra che il Napoli abbia risolto i problemi in attacco e pure in difesa. Bisogna però aspettare. La Serie A è come una facoltà universitaria e le rispettive giornate sono esami. E il prossimo esame del Napoli si chiama Juventus. Già, la squadra interessata all’esame di italiano di Suarez, a proposito di esami. Meglio stendere un lenzuolo pietoso (altro che velo!). Poi ci sarà l’Atalanta. Due test per cominciare a capire bene di cosa può essere capace il Napoli. Unico neo, l’assenza di Insigne, infortunato. Ma il Napoli ha trovato un protagonista non disatteso, ma del quale si conosceva ben poco: Victor Osimhen. Il nigeriano era stato preso per risolvere il problema del gol. E lui lo sta risolvendo, pur senza segnare. Gli uno-due con i compagni d’attacco sono roba da lustrarsi gli occhi. Perfino Lozano se ne sta giovando.

Già, Lozano. È giusto spendere due parole per il messicano. L’ex PSV Eindhoven fu richiesto a gran voce da Ancelotti, ma schierato come uno dei due attaccanti nel 4-4-2 dall’attuale tecnico dell’Everton. Addirittura talvolta come centravanti! Anche Gattuso, inizialmente, aveva equivocato sulla posizione di “El Chucky”, ritenendolo un vice Insigne adeguato a partire largo a sinistra per poi rientrare sul destro. Logicamente i risultati non sono stati lusinghieri. L’assist gliel’ha fornito l’addio di Callejon. Il Napoli ha in rosa due giocatori destinati alla fascia destra d’attacco: Politano e, appunto, Lozano. Ebbene, il messicano, riportato nella sua posizione destra, è ben altra cosa.

E il mercato? Certo avrebbe dovuto portare in dotazione a Gattuso due terzini (uno destro e uno sinistro) senza dover ogni volta scomodare Hysaj come jolly. L’albanese è giocatore duttile, si impegna, cerca di dare il massimo sia nella corsia che conosce meglio (quella in cui già c’è l’inamovibile Di Lorenzo) che quella mancina in cui a volte sostituisce Mario Rui (ultimamente non al top) perché Ghoulam non offre garanzie né tecniche né per una cessione. Tuttavia, Hysaj è giocatore con carenze tecniche notevoli per una squadra che vuol puntare a traguardi importanti. Il tira e molla per il rinnovo contrattuale è un’operazione che al momento non deve distrarre il Napoli da altri movimenti più importanti. Bisogna cedere, cedere e cedere assolutamente gli esuberi. Almeno Milik, Ounas e Llorente, così anche se non arriva un nuovo terzino, si va a chiudere quella falla a centrocampo lasciata dalla partenza di Allan. Sia che si giochi col 4-3-3 che col 4-2-3-1 il centrocampista incontrista ci vuole come il pane.

Un ultimo focus sui mille tifosi autorizzati ad entrare negli stadi italiani (cosa avvenuta anche al San Paolo per Napoli-Genoa). Dovremmo chiamarla “Spedizione dei mille”, visto che questa decisione sembra un esperimento per cercare in futuro di aumentare gli ingressi numericamente e riportare la situazione ad una apparente normalità. Ma il Covid-19 c’è ancora (chiedere a Perin, ad esempio) e la messa in sicurezza degli stadi è cosa difficile assai.

EZIO PERRELLA

Translate »