PERUGIA-NAPOLI 1-0

PERUGIA-NAPOLI 1-0 src=
PERUGIA-NAPOLI 1-0 Perugia (4-4-2) Pinzan, Lo Monaco, Ghomsy, Accursi, Dal Canto, Mezavilla (dall’ ‘89 Boisfer), Arcadio (dal 95’ Mandorlini), Diarra, Guadalupi (dal 57’ Bernini), Puccinelli, Cellini. A disp. Bianchi, Zagaglioni, Bevilacqua, Campagnacci. All. Patania Napoli (4-4-2) Iezzo, Grava, Briotti, Maldonado, Giubilato, Montervino, Fontana, Bogliacino, Capparella,(dal 71’ Greco) Sosa, Pià. A disp. Gianello, Romito, Montesanto, De Palma, Vitale. All. Reja Arbitro: Celi di Campobasso Marcatore: 26’ Cellini Note: ammoniti Briotti, Pià, Ghomsy, Grava, Dal Canto, Puccinelli. Angoli 4-3 per il Napoli. Recupero 2’ p.t 5’ s.t Ancora lui, il bomber di Firenze è il giustiziere del Napoli. Cellini l’anno scorso fece piangere con la maglia del Foggia i tifosi del Napoli ed oggi come si era ripromesso in settimana ha concesso il bis. Il Napoli perde quindi al Curi la sua imbattibilità. Un Napoli contratto che ha giocato con poco nerbo e con deficit atletico rispetto agli avversari, ha meritato la sconfitta. Una squadra che ha giocato solo sul piano nervoso e non su quello tattico. E’ una sconfitta pesante perché accorcia la classifica verso l’alto, è soprattutto una sconfitta inopinata perché occorsa contro una squadra in crisi ed incerottata quale era il team di Patania.E’ il Napoli per primo a farsi pericoloso che con una discesa di Grava al 14’ crea una bella occasione da rete che non viene sfruttata al meglio da Pià che con un’inzuccata non inquadra la porta difesa da Pinzan. Due minuti dopo sono i padroni di casa a farsi vivi con una bella rasoiata dal limite di Arcadio che viene bloccata da un sicuro Iezzo. Non succede più nulla fino al 26,’ quando in seguito ad una strepitosa cavalcata sull’out sinistro, l’ottimo Arcadio serve al centro dell’aerea il rapace bomber Cellini, che è bravissimo a girarsi ed a disorientare Maldonado fulminando con una saetta imprendibile Iezzo. La ripresa è davvero avara di episodi degni di nota. Il Napoli ci prova solo con delle scorazzate di Pià, su una di queste viene buttato a terra in aerea di rigore da un difensore perugino ma il mediocre Celi di Campobasso sorvola. Nel Napoli entrano Greco al posto di uno spento Capparella ed Amodio al posto di un discreto ma nulla più Briotti Al 36’ il Napoli va vicino alla rete con una punizione ben tirata da Fontana, ma Pinzan con un volo d’angelo devia in calcio d’angolo. L’occasione proprio nel finale capita all’esperto calciatore calabrese, che da solo in aerea schiaccia male il pallone di testa sprecando un’occasione d’oro per impattare il match. La partita finisce nel tripudio dei tifosi umbri con un Napoli brutto che non hai ma tirato seriamente verso la porta umbra. I seriamente verso la porta umbra. Una chiosa finale sull’arbitro Celi che ancora una volta è disastroso quando fischia il Napoli, alla fine saranno due i penalty negati ai napoletani.

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »