Ospina:”Bravo a resistere. Nessun problema con Meret”

David Ospina, portiere del Napoli, dopo la vittoria contro l’Inter in Coppa Italia è intervenuto al microfono di Rai Sport: “Sapevamo che oggi era importantissimo per noi, dobbiamo fare i complimenti alla squadra che è rimasta compatta anche in situazioni difficili. Oggi era importante dopo la sconfitta con il Lecce. Dobbiamo pensare partita dopo partita. Dopo il k.o. col Lecce dovevamo lavorare a testa bassa per fare bene in questo match”.
Cosa vi ha detto Gattuso? “Di continuare su questa strada. Ora torniamo a Napoli e pensiamo al Cagliari”.
Sulla qualificazione: “E’ tutto aperto, dobbiamo giocare il ritorno. Conosciamo la qualità dell’Inter, dovremo giocare bene come oggi”.
Perché andate forte nelle coppe e meno forte in campionato? “E’ una cosa che caratterizza quest’anno. Ora dobbiamo riprendere il buono fatto nelle coppe anche in campionato. Abbiamo la qualità per farlo, vogliamo arrivare in alto anche in campionato”.
Forse perché siete meno concentrati a causa dei pochi obiettivi che avete in campionato rispetto alle coppe? “Sono obiettivi che abbiamo, Champions e Coppa. Ma lo è anche il campionato. Mancano ancora tante giornate, dovremo affrontarle con senso di responsabilità e arrivare in fondo facendo le cose perbene”.
Cosa c’è stato di diverso dalla partita con l’Inter di campionato? “Il risultato (ride, ndr). Contro il Lecce abbiamo fatto la nostra partita ma non abbiamo trovato il risultato. Ora continuiamo per questa strada. Abbiamo fatto una grande partita e abbiamo vinto”.
Cos’è cambiato con Gattuso? “La prima cosa che dobbiamo dire è che in questa squadra c’è qualità. Siamo il Napoli, dobbiamo affrontare tutte le partite con senso di responsabilità. Abbiamo esperienza, a volte riusciamo a fare le cose bene. E allora dobbiamo lavorare così, mancano tre mesi alla fine del campionato. Abbiamo obiettivi in Coppa e in Champions”.
Ti senti titolare? “Abbiamo una competizione sana io, Meret e Karnezis. Sappiamo la qualità di Meret. Queste sono decisioni del mister. Se gioco io, Meret o Karnezis, gli altri due sono sempre disponibili”.

A proposito dell'autore

Salvatore Stiletti

Post correlati

Translate »