NON SOLO BIANCONERO IN PIEMONTE: ECCO IL CLUB NAPOLI IVREA

NON SOLO BIANCONERO IN PIEMONTE: ECCO IL CLUB NAPOLI IVREA src=

Una storia lunga oltre quarant'anni, in un territorio dove di "azzurro" si può trovare forse solo il cielo, mentre il "bianconero" è tanto vivo da sembrar quasi di trovarsi in una pellicola dei celebri fratelli Lumière. Ivrea il punto X, il Piemonte la regione che ospita questa piccola ed ordinata cittadina sede, udite udite, di uno tra i Club Napoli più longevi della storia. PianetaNapoli, nel suo tour delle varie "stazioni del tifo" in giro per l'Italia e per il mondo, ha avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Santo, attuale Vicepresidente di quella che può senza mezzi termini definirsi come una istituzione del tifo organizzato napoletano, lontano dalla città partenopea: il Club Napoli Ivrea.

 

Santo, più che di un Club Napoli, quando si tratta di Ivrea stiamo parlando del Club Napoli per eccellenza, per lo meno tra quelli del Nord Italia

"Modestia a parte, credo proprio di si. Per lo meno per quanto riguarda, come hai detto, il nord Italia. È la stessa storia del nostro Club a darcene atto: è stato fondato nel 1972 e credo che lontano da Napoli sia stato uno dei primissimi a vedere la luce, se non addirittura il primo".

 

Un Club che come lo stesso Napoli ha dovuto affrontare qualche momento buio nel corso della sua storia per poi rinascere dalle ceneri…

"In una storia tanto lunga ci può stare che ad un certo punto ci si debba scontrare con difficoltà di varia natura, ed è stato così anche per il Club Napoli Ivrea. Se non altro perché la nostra associazione è nata molti anni fa e vari soci storici, tra cui anche i fondatori, sono purtroppo venuti a mancare. Il momento del fallimento della vecchia SSC Napoli è praticamente coinciso anche con la scomparsa, o comunque con una forte parabola discendente, anche del vecchio Club Ivrea. Poi però pian piano sono subentrati nuovi soci che hanno ritrovato entusiasmo, e un po come la squadra anche il nostro storico Club è risorto dalle ceneri…"

 

Veniamo all'attualità. Quanti iscritti conta oggi il Club Napoli Ivrea, e quali sono i servizi che mette a disposizione per i suoi soci?

"Attualmente contiamo circa una settantina di iscritti, e principalmente ci riuniamo per seguire le partite nella nostra sede storica, in Corso Garibaldi n. 25. Al momento dell'iscrizione richiediamo un contributo a piacere per il tesseramento, mentre per i soci più stabili la quota è di 10 euro mensili che vengono utilizzati per ricoprire le spese del Club. Non di rado seguiamo la squadra allo stadio quando gioca nelle vicinanze del Piemonte, fino a 200/300 Km da Ivrea. E in qualche circostanza ci spingiamo fin al San Paolo, ovviamente tra le proteste di mogli e fidanzate…"

 

Avete impegni anche nel sociale?

"Per il momento ancora no, in quanto il Club seppur storico sta attraversando una vera e propria fase di rinnovamento come ho già avuto modo di spiegare poc'anzi. Ma non è facile portare modernità quando in ballo c'è tanta e tanta storia come nel nostro caso. Ora abbiamo ripreso in mano le redini della situazione, ma ancora non siamo riusciti a trovare il tempo necessario per mettere in moto quegli ingranaggi che ci consentirebbero di essere attivi anche nel sociale. Ad ogni modo è un nostro obiettivo per i futuro, e stiamo pian piano ricreando i contatti giusti al riguardo".

 

Quali sono le difficoltà di gestire un club Napoli praticamente nella "tana del lupo"? Il Piemonte è la casa della Juventus…

"In realtà è più semplice di quanto non si possa pensare o di quanto si voglia far credere. Sarà perché forse Ivrea è un piccolo centro e non è proprio Torino, ad ogni modo c'è grande rispetto reciproco con i tifosi locali. E non solo della Juventus, ma anche di altre squadre come ad esempio Inter o Milan. Anzi a volte si vede la partita assieme, con qualche "ospite", senza che si degeneri mai in qualcosa di poco piacevole. Lo spirito sportivo è uno dei pilastri del Club Napoli Ivrea."

 

In chiusura, parliamo di pallone. Che emozioni e sensazioni suscita questo nuovo Napoli targato Bentez? 

"C'è sicuramente soddisfazione e fiducia per quanto fatto dalla società e dalla squadra negli ultimi anni, ed anche in questa sessione di mercato. Il presidente è una persona oculata e che merita tutto il supporto possibile per quello che ha fatto e che sta facendo. Credo che con Benitez ci sia stata anche la svolta tattica e soprattutto di mentalità: quest'anno tutto sarà davvero possibile".

Translate »