NAPOLI SPETTACOLO ANNIENTATO IL FROSINONE, SOLI IN TESTA ALLA CLASSIFICA

Sarri cambia due uomini e gli azzurri demoliscono il Frosinone con cinque gol, bel gioco e siamo campioni d’inverno

FORMAZIONI
FROSINONE (4-4-2): Zappino; M. Ciofani, Diakitè, Blanchard, Crivello; Kragl (62’ Chibsah), Gucher, Sammarco; Paganini (57’ Tonev), D. Ciofani, Dionisi (69’ Soddimo). All. Stellone.
NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Strinic; Allan, Jorginho, Hamsik (77’ Chalobah); Callejon (74’ El Kaddouri), Higuain (65’ Gabbiadini), Mertens. All. Sarri.
Arbitro: Tagliavento
Assistenti di linea: De Luca – Ranghetti. Arbitri addizionali: Celi – Chiffi. IV uomo: Giallatini
Reti: 20’ Raul Albiol, 30’ Higuain (rigore), 57’ Hamsik, 60’ Higuain, 72’ Gabbiadini, 81’ Sammarco (F),
Ammoniti: 21’ Dionisi (F), 31’ Blanchard (F), 51’ Hysaj (N)
Recupero: 1’ pt, 0’ st.
Gran bel Napoli a Frosinone, terza “manita” stagionale e grande dimostrazione di superiorità degli azzurri
Al Matusa, il Napoli scende in campo con il consueto 4-3-3, ma stavolta Sarri cambia la corsia sinistra, dentro Strinic al posto di Ghoulam e Mertens al posto di Insigne. Il Frosinone si mette con un classico 4-4-2, con le tre linee strettissime. Primo quarto d’ora passa con le squadre che si studiano, ma con una netta supremazia territoriale degli azzurri. Il Frosinone rischia solo una volta, con rimpallo in area ed il portiere frusinate che salva quasi sulla linea. Al ventesimo il Napoli passa, calcio d’angolo di Jorginho che mette in mezzo e Raul Albiol con una zampata mette in rete, per il suo primo gol stagionale. Il Napoli controlla e ha altre occasioni, una con Higuain che chiama alla grande parata Zappino. Dopo una bella azione degli azzurri, viene servito Higuain al limite dell’area di rigore, salta due avversari, entra in area e viene steso da Crivello, rigore nettissimo. Batte Higuain, che calcia forte e centrale e sigla il 2-0. Solo al quarantesimo di vede il Frosinone, Strinic sbaglia la diagonale, Paganini lo anticipa e cerca con un pallonetto di superare Reina, palla fuori, ma che rischio! Due minuti dopo ancora i ciociari con un tiro dalla distanza di Kragl. Così termina il primo tempo, ben diretto dall’arbitro Tagliavento.
Secondo tempo, gli azzurri continuano nel loro possesso palla martellante, devastante il centrocampo partenopeo, non lascia nulla agli avversari. Dopo un quarto d’ora Hamsik prende palla a centrocampo, avanza, tagliando la difesa ciociara centralmente e con un preciso sinistro dal limite fulmina il portiere frusinate, 3 a 0, ma non finisce qui. Passano solo pochi minuti, grande penetrazione centrale di Higuain che supera ben tre avversari, evita anche il portiere ed insacca il quarto gol per gli azzurri. Entra Gabbiadini per uno strepitoso Higuain, e subito riceve palla da Callejon, si ferma, mira l’angolino e batte per la quinta volta Zappino. Partita finita, il Frosinone trova il gol della bandiera nel finale, quando ormai il Napoli è rilassato, segna Sammarco, ma la festa è qui. Napoli è CAMPIONE D’INVERNO, non succedeva da venticinque anni. Grande Napoli, grande Sarri e i tifosi cantano.

A proposito dell'autore

Rosario Verde

Maturita’ classica. Attestato di Intelligence e Spionaggio Industriale conseguito presso L’Iscom, istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell’informazione.Giornalista, curatore di rubriche e membro della redazione presso il giornale cittadino “Zapping” di Casandrino. Amante del Latino, si definisce un malato della maglia azzurra. Lettura e scrittura, tecnologie, sport, viaggi sono i suoi hobby nel tempo libero.

Post correlati

Translate »