NAPOLI – PALERMO: SPETTACOLO SLOVACCO, DI MAREK HAMSIK

NAPOLI - PALERMO: SPETTACOLO SLOVACCO, DI MAREK HAMSIK src=

Duecento anni fa, Napoli e Palermo concorrevano in armonia, eleganza e forza di un regno fiorente e straordinariamente potente. Oggi, si sfidano per lo scettro di "capitale del Sud", esempio di un meridione calcistico pronto a dare battaglia alle grandi potenze settentrionali. Zamparini ha iniziato il suo progetto tempo fa, De Laurentiis qualche anno più tardi eppure sono li, distanziate di tre punti. Entrambe con progetti ambiziosi rispolverati in corso d'opera iniziati con Donadoni e Zenga per poi passare a Mazzarri e Rossi.Delio Rossi, tecnico apprezzato e rincorso tempo fa fino alla divisione definitiva con lo sbarco a Palermo e l'arrivo del generale Mazzarri all'ombra del Vesuvio; Napoli si tingerà d'argento per l'occasione rincorrendo il quarantesimo risultato utile consecutivo in notturna dove l'aria del San Paolo diventa improvvisamente candida e spettacolare, che faccia freddo o meno non importa tantomeno una domenica sera come questa dove cinquantamila spettatori innalzeranno la temperatura di parecchio.Spettacolo d'argento quindi, un sorta di serata al gran galà dove il protagonista punta a essere ancora una volta lui, Marek Hamsik, già carnefice del Palermo in più occasioni con gol a condimento di beffa e prestazioni esaltanti da campione puro e grezzo. Sarà spinto anche lui dalla voglia delle gradinate gremite, sarà spinto anche dalla voglia di dare il benvenuto al primogenito Christian con un gol da dedicargli. Prima gara di ritorno, il bello inizia adesso perché d'ora in poi tutto diventa fondamentale per il ticket europeo se poi l'atmosfera è quella argentata allora…

 

 

Palermo. Delio Rossi dovrà rivedere il gruppo in vista del posticipo. Kjaer è squalificato e al suo posto si presentano varie opzioni: la prima (quella più gettonata) vede al'arretramento di Migliaccio sulla linea difensiva con l'inserimento di Pastore alle spalle delle due punte, Cavani e il rientrante Miccoli. La seconda, porterebbe Goian al centro della difesa lasciando inalterate le posizioni dal centrocampo in su, terza opzione sarebbe il ripescaggio di Blasi al posto di Pastore portando un cambio modulo dal classico 4-3-1-2 al 4-4-2. Ad ogni modo, la filosofia sarà sempre la stessa: ritmi alti e fluidità di manovra con Liverani in cabina di regia e Simplicio a inserirsi appena possibile. Grande lavoro anche per Balzaretti chiamato spesso a spingere fino al fondo lasciando ai partenopei la possibilità di ripartire in contropiede con superiorità numerica. Indisponibili. Kjaer (squalificato), Bresciano

 

Formazione (4-3-1-2) Sirigu (46); Cassani (16), Bovo (5), Migliaccio (8), Balzaretti (42); Liverani (11), Nocerino (9), Simplicio (30); Pastore (6); Miccoli (10), Cavani (7)     Panchina: Rubinho; Melinte, Goian, Blasi, Bertolo, Hernandez, Budan   All. Delio Rossi

 

 

Napoli. Walter Mazzarri ritroverà la squadra titolare dopo l'eliminazione dalla Coppa Italia per mano della Juventus. Senza l'infortunato Lavezzi, il tecnico toscano riproporrà un 3-4-1-2 con Denis e Quagliarella coppia d'attacco sorretti da Hamsik. Cambi perentori arrivano in difesa: Campagnaro è squalificato mentre Contini soffre di un problema alla mano. Cannavaro, quindi, dovrebbe spostarsi sul centro – destra con Rinaudo nel mezzo e Aronica sul centro – Sinistra. Non è esclusa la riconferma di Gianluca Grava per il difensore siciliano. Dossena farà il suo esordio al San Paolo caricando a molla la fascia sinistra.Molto potrebbe passare dalla velocità di Gargano soprattutto in fase di ripiego così come dalla buona di Maggio trovando contro Balzaretti che spesso potrebbe lasciare sgombra la zona di campo a lui affidata. Hamsik potrebbe trasformarsi nella solita mina vagante, ma potrebbe anche diventare fondamentale per trascinare fuori dalla zona nevralgica Nocerino.Indisponibili. Santacroce, Contini, Campagnaro (squalificato)

 

Formazione (3-4-1-2) De Sanctis (26); Cannavaro (28), Rinaudo (77), Aronica (6); Maggio (11), Gargano (23), Pazienza (5), Dossena (8); Hamsik (17); Denis (19); Quagliarella (27)     Panchina: Iezzo; Grava, Zuniga, Cigarini, Datolo, Rullo, Hoffer   All. Walter Mazzarri

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »