DI NAPOLI : “NAPOLI MI HA LANCIATO. BENITEZ FUORI DALLA CRISI. SCUDETTO? CI SONO ANCHE GLI AZZURRI”

Arturo Di NapoliL’esordio in A, il momento di Inter e Napoli, tutto su Higuain e Benitez, e un pensiero sulla corsa al tricolore.

Dopo la sosta per le Nazionali il campionato metterà di fronte Inter e Napoli nel match di San Siro di domenica 19 ottobre. Pianetanapoli.it ha contattato in esclusiva il doppio ex Arturo Di Napoli, che nonostante le difficoltà legate ad un viaggio in autostrada ha cordialmente accettato di rispondere alle nostre domande:

 

Arturo, sei cresciuto nelle giovanili dell’Inter, ma l’esordio in Serie A è avvenuto con la maglia azzurra. Quali sono i tuoi ricordi legati a queste due esperienze?

E’ chiaro che l’Inter mi ha dato la possibilità di crescere e di formarmi, in primis come uomo e poi come calciatore. A Napoli ho avuto la possibilità di esordire in Serie A iniziando di fatto la mia carriera da calciatore vero, che mi ha portato poi a raggiungere determinati traguardi.

Alla ripresa del campionato ci sarà proprio Inter-Napoli. Come arrivano le due squadre a questo appuntamento?

Credo che l’Inter ci arrivi un po’ con le ossa rotte dopo le ultime prestazioni, mentre il Napoli, pur con grande fatica, si sta riprendendo dopo un inizio difficile. E’ chiaro che la sosta penalizza il Napoli che sembra aver ingranato la marcia giusta e da un po’ di respiro ai nerazzurri.

Sarà anche una sfida tra gli ex allenatori delle rispettive formazioni. Sulla panchina azzurra siede Rafa Benitez, spesso considerato come poco adatto ad allenare in Serie A. Qual è il tuo pensiero su questo tema?

Io credo che in ogni annata, e dentro ogni squadra, ci siano dei problemi che l’allenatore deve affrontare. Dire che Benitez sia poco adatto ad allenare nel campionato italiano è a dir poco eccessivo; senza dubbio ha incontrato delle grosse difficoltà in questo inizio di stagione, e non essendo nell’ambiente Napoli non posso sapere quali sono stati i problemi che hanno portato ai risultati negativi nelle prime partite, ma credo che ne stia venendo fuori avendo ritrovato, penso, anche quel pizzico di buona sorte che era mancata al Napoli. Anche Mazzarri ha i suoi problemi e credo sia evidente dalle ultime uscite, ma è chiaro che si tratti di un grande match.

Da attaccante ti chiedo di Gonzalo Higuain, che ancora non è riuscito a sbloccarsi in campionato. Come mai l’argentino fa così fatica a trovare la via del gol in questo inizio stagione?

Higuain è un giocatore straordinario, che anche quando non fa gol risulta essere un uomo fondamentale per l’economia del gioco e per i risultati della squadra. E’ chiaro che quando un attaccante non trova il gol con una certa continuità può rappresentare un problema, ma credo che sia una situazione legata in particolar modo al momento difficile che tutto il Napoli ha attraversato in questa prima parte di stagione e anche al mancato apporto di uomo chiave come Hamsik, che non sta giocando al livello che tutti noi conosciamo; quello che è certo, avendo io visto alcune partite del Napoli, è che lui si impegna molto e svolge un grandissimo lavoro per tutta la squadra.

Ultime due domande, sugli obiettivi delle due squadre: premesso che Juventus e Roma se la giocheranno per lo scudetto, chi tra Inter e Napoli vedi favorita per il terzo posto?

Io non credo che Juventus e Roma saranno le sole a giocarsi il campionato, perché penso che se il Napoli ritroverà l’entusiasmo della passata stagione e continuerà sulla strada che sembra aver intrapreso possa seriamente rientrare nella corsa al titolo; farei quindi attenzione a parlare di duopolio Juventus-Roma, anche il Napoli potrà dire la sua.

Per quanto riguarda l’Europa League invece, credi che queste due formazioni possano arrivare fino in fondo?

Credo che Inter e Napoli abbiano tutte le qualità per poterla vincere questa Europa League, e mi auguro che questo accada, perché come Paese calcistico stiamo veramente toccando il fondo a livello europeo e mondiale, e sarebbe importante se una formazione italiana trionfasse in quella che è in ogni caso una prestigiosa competizione. 

Translate »