Napoli in TV, che caos! Facciamo chiarezza

In questi giorni tutti i tifosi si stanno tormentando per come poter seguire la propria squadra del cuore in TV, regna la confusione più totale, noi di Pianeta Napoli cerchiamo di far chiarezza e aiutare il tifoso azzurro a districarsi nella marea di informazioni spesso poco chiare.

I diritti tv per la trasmissione delle partite della Serie A nel prossimo triennio sono stati assegnati a Sky e Perform, società inglese con una piattaforma (Dazn) per eventi sportivi live on-demand attiva in Germania, Austria, Svizzera, Giappone e Canada. Due i pacchetti (divisi per fasce orarie) acquistati dalla pay-tv fondata da Rupert Murdoch e uno invece acquisito dalla società inglese. Sky ha ottenuto in totale 7 partite a giornata (le gare di sabato alle 15 e alle 18, due dei tre match della domenica alle 15, quelli domenicali delle 18 e delle 20.30, e il “monday night”). Perform invece, ha ottenuto 3 partite a giornata (l’incontro del sabato alle 20.30, quello della domenica alle 12.30 e la restante gara delle 15). In più per vedere il campionato, bisogna avere una connessione internet, una smart tv e fare due abbonamenti, uno a Sky e uno a DAZN nuova piattaforma che trasmette solo su internet al costo di 10 euro al mese più ovviamente i costi di smart tv e connessione internet veloce, nel caso invece si voglia vedere tutto con Sky la parabola non basta più ma bisogna dotarsi di apparato SKY Q oltre che di connessione internet al costo una tantum di € 99,00 per un solo apparato e di altri 69,00 euro per ogni ripetitore in più e ovviamente del costo dell’abbonamento che varia a seconda del pacchetto scelto. Andiamo ora ai costi, al momento in cui scriviamo, partiamo da Sky. L’abbonamento a Sky Calcio (l’unico fra i pacchetti disponibili a garantire la visione delle 266 partite su cui Sky si è accaparrata i diritti) viene proposto mediante tre modalità:

1) Sky via satellite a 45,10 euro per i primi 12 mesi (63,80 euro al termine del periodo promozionato) con Sky Tv, Sky Famiglia, Sky Sport, HD, 4K HDR, Sky Go Plus, Sky On Demand e Sky Kids inclusi. Per l’installazione del nuovo SkyQ vengono richiesti 99 euro di contributo una tantum.

2)   Sky fibra a 45,10 euro per i primi 12 mesi (63,80 euro al termine del periodo promozionato) con Sky Tv, Sky Famiglia, Sky Sport, HD, 4K HDR, Sky Go Plus, Sky On Demand e Sky Kids inclusi. Per l’attivazione di MySky si richiedono 49 euro di contributo una tantum.

3)  Sky sul digitale terrestre a 34,90 euro al mese per i primi 6 mesi (44,90 al termine del periodo promozionato) con Sky Tv e Sky Sport inclusi e 29 euro di contributo iniziale una tantum.

Dazn propone 9,99 euro al mese, con un mese di prova gratuita e la possibilità di disdire l’abbonamento in ogni momento. Mediaset Premium ha un accordo con Dazn, ma ormai sembra fuori dai giochi.

Per i clienti Sky da almeno un anno c’è la possibilità di acquistare il ticket Dazn a un prezzo scontato di 7,99 euro al mese (anziché i 9,99 euro dell’offerta stand alone), fermo restando il vincolo di un collegamento a Internet via fibra o ADSL. Chi, oltre a un abbonamento Sky, possiede anche il nuovo decoder SKY Q troverà l’app di Dazn direttamente integrata nell’interfaccia Sky e potrà dunque controllare tutto il suo palinsesto calcistico attraverso un unico telecomando; per tutti gli altri sarà sufficiente scaricare l’app Dazn su una smart Tv, smartphone, tablet, PC o console.

Un vero inferno oltre che un salto ad ostacoli per i tifosi consumatori, tutto questo con il campionato che inizia il 18 agosto con la maggioranza dei napoletani in ferie e impossibilitati a decidere con calma che sistema usare per vedere il campionato. Certamente si potrebbe sfruttare la possibilità che offre Dazn, regalando il primo mese ai nuovi abbonati e consentendo di disdire l’abbonamento in ogni momento, quindi poter vedere le prime due gare di campionato del Napoli che saranno visibili solo sulla piattaforma inglese, dopo aspettare, altrimenti guardare il calcio in TV sarà un vero e proprio salasso economico.

A proposito dell'autore

Rosario Verde

Maturita’ classica. Attestato di Intelligence e Spionaggio Industriale conseguito presso L’Iscom, istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell’informazione.Giornalista, curatore di rubriche e membro della redazione presso il giornale cittadino “Zapping” di Casandrino. Amante del Latino, si definisce un malato della maglia azzurra. Lettura e scrittura, tecnologie, sport, viaggi sono i suoi hobby nel tempo libero.

Post correlati