NAPOLI CINICO, ROMA BELLA MA SPRECONA. SECONDO POSTO A -3

NAPOLI CINICO, ROMA BELLA MA SPRECONA. SECONDO POSTO A -3 src=

Napoli (4-2-3-1): Reina; Maggio, Fernandez, Albiol, Ghoulam; Inler, Dzemaili (61' Henrique); Mertens, Hamsik (73′ Inisgne), Callejòn (85′ Pandev); Higuain. A disp.: Colombo, Doblas, Britos, Reveillere, Radosevic, Bariti, Zapata. All.: Benitez.

Roma (4-2-3-1): De Sanctis; Maicon, Benatia, Castan, Romagnoli (85′ Destro); Nainggolan, Strootman (13' Taddei); Florenzi (74′ Ljajic), Pjanic, Bastos; Gervinho. A disp.: Skorupski, Lobont, Dodò, Torosidis, Toloi, Mazzitelli, Ricci. All.: Rudi Garcia

Marcatori: 82′ Callejon

Ammoniti:Taddei, Maicon (R), Callejon (N)

Recupero 3’ pt 4 st’

Napoli di cuore e coraggio, Roma ottima per 70 minuti ma che si fa sorprendere dalla verve di Ghoulam e il lampo di Callejon che decide il match. Giallorossi in campo con una formazione inedita, Garcia rinuncia a punte di ruolo e schiera Gervinho in avanti come falso nueve. Il Napoli conferma Hamsik e deve rinunciare alla coppia Behrami-Jorginho non al meglio; al loro posto Inler e Dzemaili.

AZZURRI IMPRECISI, ROMA SPRECA – Nonostante uno schieramento teso a sfruttare le ripartenze, i giallorossi hanno le migliori occasioni nella prima frazione. Il Napoli è impreciso e fatica ad imbastire una manovra limpida così gli ospiti con il passare dei minuti aumentano la pressione e sfruttano l’ottimo lavoro di Gervinho schierato come prima punta anomala. Al 2’ proprio l’ex Arsenal viene pescato solo davanti a Reina ma di testa non dà forza al pallone, il Napoli tenta qualche sortita offensiva ma i tiri di Dzemaili ed Hamsik non incutono timore. L’infortunio di Strootman, che lascia il campo dopo 11 minuti per un problema al ginocchio, paradossalmente sorprende gli azzurri che vengono schiacciati dal possesso concreto dei giallorossi. Tante triangolazioni in velocità e Gervinho protagonista che continua a fare il bello e il cattivo tempo. Prima Albiol lo anticipa sul più bello, poi dopo un gol annullato a Benatia per giusto fuorigioco, si fa ipnotizzare al 37’ da Reina che esce tempestivamente e respinge la sua conclusione. Al 41’ anche Bastos ci prova, dalla distanza con il sinistro, ma ancora il portiere spagnolo salva i suoi con un grandissimo intervento con la mano di richiamo. Il primo tempo si chiude così, l’assenza di Jorginho si fa sentire.

LAMPO DI CALLEJON – Nel secondo tempo il Napoli sembra entrare con il piglio giusto. Mertens tenta la conclusione dalla distanza ma la palla sorvola traversa, al 7’ doppia occasione prima con Callejon fermato da De Sanctis e poi con Higuain che da buonissima posizione spara alto. La Roma dopo i primi dieci minuti ritorna a fare gioco e spaventa gli azzurri. Maicon calcia, la palla viene deviata e Reina con un colpo di reni mette in calcio d’angolo. E’ l’esterno ex Inter l’uomo più pericoloso. Sempre lui al 29’ pesca con l’esterno Florenzi ma il colpo di testa è debole. Il ritmo si abbassa e il Napoli non sembra impensierire troppo la retroguardia giallorossa fino alla fiammata di Ghoulam. E’ il 35’ e l’algerino affonda sulla sinistra mette in mezzo un cross perfetto per la testa di Callejon che la mette all’incrocio. Napoli in vantaggio. Benitez si affida a Pandev per gli ultimi 10 minuti, gli ospiti scossi dal gol non riescono più ad avere la lucidità giusta per costruire azioni pericolosi. L’ultima possibilità tocca ancora a Maicon che dalla distanza sfiora di un soffio il palo. Si chiude così il match. Il Napoli accorcia le distanze sulla Roma e riapre il discorso secondo posto.

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »