Il Napoli ci prova, ma sbatte contro Handanovic

Finisce senza reti il big match del San Paolo, partita fisica tra due squadre sicure protagoniste di questo campionato

Grande possesso palla del Napoli, ma sbatte contro il muro dell’Inter

Partita non semplice per gli azzurri contro un Inter molto attenta e stretta, infatti Spalletti schiera i suoi con un 4-2-3-1 con le linee strettissime e con Borja Valero dietro Icardi, ma in realtà lo spagnolo marca a uomo Jorginho per non farlo ragionare. Ne viene fuori una gara dove il Napoli ha un grandissimo possesso palla, ma sbatte contro Handanovic, l’Inter parte di rimessa e appena può conclude in porta. Primo tiro azzurro al quinto con Hamsik che tira fuori dopo aver scambiato con Insigne. Al decimo tocca all’Inter Candreva mette dentro un cross, che Koulibaly allontana, palla su Gagliardini che calcia, deviazione e calcio d’angolo. Al quarto d’ora Insigne prova il tiro a giro, ma la palla finisce molto alta, al ventesimo azione più pericolosa per il Napoli, gran palla di Hysaj che scarica su Callejon, lo spagnolo entra in area e calcia di prima, para Handanovic, sulla ribattuta a due passi c’è Mertens che scarica il tiro, ancora Handanovic, che respinge di piede, l’Inter si salva. Il Napoli ci prova ancora con un colpo di testa di Insigne ed una bellissima azione caparbia di Koulibaly, ma non riesce a superare il muro nerazzurro, però sul finire della prima frazione, l’Inter si rende pericolosissima. Al quarantesimo Icardi serve di testa Borja Valero che tira forte sotto la traversa, Reina respinge d’istinto e salva la porta azzurra. Si chiude così un primo tempo, in cui il Napoli gioca e gli uomini di Spalletti aspettano per poi ripartire negli spazi lasciati liberi.

 

L’Inter inizia bene poi c’è solo Napoli

I nerazzurri iniziano bene il secondo tempo con un’azione clamorosa, palla in profondità per Vecino, esce Reina il centrocampista interista calcia e sulla linea Raul Albiol salva il Napoli. Al decimo sponda meravigliosa di Callejon che di testa apparecchia per Hamsik, il capitano arriva in corsa e calcia dal limite, palla di un soffio a lato, il Napoli ci prova ancora con un paio di conclusioni di Insigne di cui una vicinissima alla rete, poi si accende Mertens un paio di guizzi dei suoi, ma viene sempre fermato poco prima della conclusione. Intanto entrano Zielinski e Rog al posto di Hamsik ed Allan, Sarri concede gli ultimi dieci minuti ad Ounas che prende il posto di Insigne apparso stanco sul finire della gara. Negli ultimi venti minuti, l’Inter rinuncia ad attaccare, il Napoli tiene palla e cerca di creare occasioni, ma Spalletti ha preparato molto bene la partita e poi c’è un super Handanovic, che prima respinge una bomba calciata da Zielinski e poi salva la sua porta con un intervento miracoloso su Mertens al novantesimo. Finisce senza reti lo scontro tra le prime della classe, risultato che sta un po’ stretto al Napoli, ma che comunque ha evidenziato che gli azzurri saranno protagonisti di questo campionato.

 

 

TABELLINO

 

NAPOLI-INTER 0-0

Napoli (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Allan (30′ st Rog), Jorginho, Hamsik (27′ st Zielinski); Callejon, Mertens, Insigne (35′ st Ounas). A disp.: Sepe, Rafael, Maggio, Maksimovic, Chiriches, Mario Rui, Diawara, Leandrinho, Giaccherini. All.: Sarri

Inter (4-2-3-1): Handanovic; D’Ambrosio, Miranda, Skriniar, Nagatomo; Vecino, Gagliardini; Candreva (38′ st Cancelo), Borja Valero (26′ st Joao Mario), Perisic; Icardi (42′ st Eder). A disp.: Padelli, Berni, Ranocchia, Santon, Dalbert, Karamoh, Pinamonti. All.: Spalletti

Arbitro: Banti

Assistenti di linea: Meli – Manganelli

IV uomo: Irrati   VAR: Rocchi     AVAR: Pinzani

Marcatori:

Ammoniti: Miranda (I)

Recupero: 0’ pt, 3’ st.

A proposito dell'autore

Rosario Verde

Maturita’ classica. Attestato di Intelligence e Spionaggio Industriale conseguito presso L’Iscom, istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell’informazione.Giornalista, curatore di rubriche e membro della redazione presso il giornale cittadino “Zapping” di Casandrino. Amante del Latino, si definisce un malato della maglia azzurra. Lettura e scrittura, tecnologie, sport, viaggi sono i suoi hobby nel tempo libero.

Post correlati

Translate »