Napoli-Cesena 3-2, gli azzurri ringraziano Mertens: doppietta e assist per il belga

Gli azzurri soffrono, ma riescono a superare di misura il Cesena già retrocesso

MERTENS NON BASTA – Benitez (in tribuna per squalifica; al suo posto c’è Pecchia) lancia dal primo minuto Gabbiadini al centro dell’attacco con Callejon-Hamsik e Mertens alle sue spalle. Di Carlo si affida all’unica punta Defrel. I ritmi sono lenti, la manovra azzurra non riesce ad essere imprevedibile. Il Cesena si difende chiudendo tutti gli spazi senza correre troppi rischi. Gli azzurri sono imprecisi e non riescono a superare la difesa romagnolo con il guizzo giusto. Al 15′ arriva, a sorpresa, il vantaggio degli uomini di Di Carlo con un tiro piazzato di Defrel che supera Andujar. Il Napoli prova subito ad affacciarsi dalle parti di Agliardi e, dopo appena quattro minuti, arriva il pareggio di Mertens che sfrutta l’errore di Volta e supera il portiere avversario con un tiro da sotto misura. Si sveglia il folletto belga e i padroni di casa passano in vantaggio con Gabbiadini abile a ricevere al centro dell’area il passaggio di Mertens: centesimo gol del Napoli in tutte le competizioni. Il reparto offensivo di Benitez non ha nulla da invidiare alle altre squadre, ma la manovra dei centrocampisti partenopei è lenta e macchinosa per la maggior parte del primo tempo. Il Cesena non molla, ma ci prova fino alla fine costringendo gli azzurri a rinchiudersi nella propria metà: nei minuti di recupero arriva il 2-2 firmato da Defrel che, tutto solo in area, supera il portiere argentino. Ancora una volta fase difensiva approssimativa della retroguardia azzurra. Al San Paolo la prima frazione si chiude sul 2-2.

LA CHIUDE IL BELGA – Nella ripresa il Napoli scende in campo con un atteggiamento diverso cercando, fin dai primi minuti, di pressare gli uomini di Di Carlo in tutte le zone del campo. Il Cesena arretra notevolmente il baricentro cercando di contenere il più possibile i padroni di casa. AL 57′ è sempre Mertens il protagonista di serata: salta in velocità Volta e trova il gol del 3-2 piazzando il pallone sul secondo palo. Il Napoli continua a macinare gioco facendo attenzione agli attacchi dei romagnoli.  Mertens è pimpante e prova a chiudere definitivamente il match con le sue incursioni imprevedibili, ma c’è imprecisione nell’ultimo passaggio nell’attacco azzurro. Al 66′ è il turno di Gonzalo Higuain che rileva il cinico Gabbiadini ancora in gol questa sera. I padroni di casa cercano di amministrare il vantaggio provando a segnare la rete del 4-2 che però non arriva. Nei minuti finali spazio anche ad Insigne e Gargano, al San Paolo il Napoli soffre ma riesce a superare il Cesena. Troppi errori nella prima metà frazione che non sono stati risolti nell’arco della stagione. Sabato prossimo si va a Torino, la Juventus scudettata è avvisata.

TABELLINO NAPOLI-CESENA

Napoli (4-2-3-1): Andujar; Mesto, Albiol, Koulibaly, Ghoulam; Lopez, Jorginho; Callejon, Hamsik (36′ st Insigne), Mertens (44′ st Gargano); Gabbiadini (21′ st Higuain). A disp.: Rafael, Colombo, Maggio, Henrique, Britos, Strinic, Inler, Zapata. All.: Benitez

Cesena (4-3-1-2): Agliardi; Perico, Capelli (27′ st Rodriguez), Krajnc, Renzetti; Carbonero, Cascione, De Feudis (36′ st Cazzola); Brienza; Tabanelli (12′ st Lucchini), Defrel. A disp.: Leali, Bressan, Volta, Dalmonte, Zé Eduardo, Mudingayi, Djuric, Succi. All.: Di Carlo

Arbitro: Irrati

Marcatori: 15′ Defrel (C), 19′ Mertens (N), 20′ Gabbiadini (N), 47′ Defrel (C), 11′ st Mertens (N)

Ammoniti: Ghoulam, Koulibaly (N); Volta, Capelli (C)

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »