NAPOLI, ATTENTO ALL’AMMAZZA-MAZZARRI

NAPOLI, ATTENTO ALL’AMMAZZA-MAZZARRI src=

PROBABILI TITOLARI

Portiere

1 Sebastian Frey (Francia) · Portiere (’80) – Il terzo portiere più forte d’Italia e sicuramente fra i primi dieci al mondo non è mai riuscito a trovare una big che credesse veramente in lui. Allora ha fatto tutto da solo, portando la Fiorentina a diventare grande con lui. L’assurdità è che non trova posto neppure in Nazionale, dove addirittura spesso non viene neppure convocato…

Difensori

21 Gianluca Comotto · Terzino destro (’78) –  Due anni orsono era il capitano del Torino e azzeccò una grande stagione. La Fiorentina si è accorta di lui e gli ha consegnato con notevole ritardo la fascia destra, dopo averlo bocciato qualche anno fa.  Si gioca il posto con l’emergente De Silvestri, ma per ora la maglia di titolare dovrebbe essere sua.

3 Dario Dainelli · Difensore centrale (’79) – Non è troppo appariscente e per questo motivo Corvino vuole fargli sempre le scarpe cercando sul mercato un difensore che possa soffiargli il posto. Ma lui non fa una piega e resta ancora lì, con la fascia sul braccio, nonostante ad agosto sia stato offerto a mezza serie A e sia stato a un passo dalla Sampdoria.

5 Alessandro Gamberini · Difensore centrale (’81) – Ha acquisito sicurezza col passare degli anni e ora è uno dei più forti centrali difensivi d’Italia. Buon fisico unito ad un’ottima velocità di base, è un marcatore arcigno che però non soffre eccessivamente gli avversari troppo veloci.

23 Manuel Pasqual · Terzino sinistro (’82) –  Viene puntualmente accostato al Napoli in vista di ogni sessione di mercato, invece lui ha rinnovato il contratto e vorrebbe restare viola. Prandelli gli dà meno fiducia di quanto meriterebbe e per questo è sempre in discussione, nonostante il piede caldo che ne ha fatto il principale assist-man di Toni nella sua ultima stagione in Italia, coronata col titolo di capocannoniere. 

2 Per Krøldrup (Danimarca) · Difensore centrale (’79) –  Prima alternativa ai due centrali titolari, Prandelli in genere gli dà spazio subito dopo la Champions’ per dare respiro a uno fra Dainelli e Gamberini. Bravo di testa ma piuttosto lento, potrebbe andare in difficoltà se puntato in velocità.

29 Lorenzo De Silvestri · Terzino destro (’88) –  Reietto di Lotito, un infortunio patito con l’Under 21 ne ha compromesso l’adattamento a Firenze, ma studia con applicazione per soffiare il posto a Comotto. Il mister potrebbe dargli una chance visto il recente impegno europeo della squadra. Era uno dei prospetti più interessanti in Europa ma viene da una stagione interlocutoria in cui aveva perfino perso il posto nella Lazio.

Centrocampisti

15 Cristiano Zanetti · Centrocampista centrale (’77) –  È tornato all’ovile per quattro soldi dopo aver speso un’onesta carriera con la maglia della Juve. Se sta bene e non subisce infortuni è uno dei migliori mediani del campionato e lo ha dimostrato nelle ultime uscite, rivelandosi come il vero baricentro della squadra. Sostanza e piedi buoni, manna dal cielo per una mediana troppo leggera.

18 Riccardo Montolivo · Centrocampista centrale (’85) – Annunciato da anni come il nuovo Pirlo, sembra sempre sul punto di sbocciare ma poi nel momento clou gli manca il salto di qualità. Il talento c’è tutto, deve solo trovare il modo di farlo 

19 Massimo Gobbi · Terzino sinistro/Centrocampista sinistro (’82) – Corvino lo pescò nel Cagliari dove però svolgeva un ruolo in cui Prandelli era già abbastanza coperto. Perciò il tecnico ha pensato bene di trasformarlo in terzino e Gobbi ha accettato di buon grado, arrivando a giocarsi il posto con Pasqual. Sempre in ballottaggio col compagno per un posto nei tre di difesa, all’occorrenza può giocare anche in mediana.

24 Mario Alberto Santana (Argentina) · Ala destra (’81) – Se non fosse per quei maledetti muscoli di seta sarebbe uno degli esterni più ambiti del campionato italiano, veloce e abilissimo nel saltare l’uomo e mettere gli attaccanti in condizione di fare gol. Invece la patologica tendenza agli infortuni l’ha penalizzato e ora si ritrova a portare le borracce a Marchionni, in attesa che (come in questo caso) il compagno dia forfait. 

6 Juan Manuel Vargas (Perù) · Ala sinistra/Terzino sinistro (’83) – Preso lo scorso anno per 12 milioni, ha iniziato un po’ in sordina perché a Prandelli non dava fiducia, a causa della scarsa attitudine alla fase difensiva. La svolta c’è stata quando l’ha avanzato in prima linea e Vargas ha potuto mettere in mostra la straordinaria precisione nel calcio: assist perfetti e gol importantissimi, così il peruviano è diventato imprescindibile per la Fiorentina.

Attaccanti

11 Alberto Gilardino · Punta  (’82) – Dopo il semi fallimento col Milan, il Gila ha scelto il suo mentore per rilanciarsi. E ci è riuscito alla grande, tornando uno dei più forti centravanti italiani sulla piazza. Mortifero quando è in condizione, attualmente lo è senz’altro visti i cinque gol nelle ultime quattro gare. Sembra però che osserverà un turno di riposo, nel qual caso sarebbe Adrian Mutu a sostituirlo.

10 Adrian Mutu (Romania) · Trequartista/Punta (’79) – Ora che si sta sgonfiando il caso della maximulta il romeno appare molto più sereno, e l’ha dimostrato in Champions’ mettendo a segno una fantastica doppietta che rilancia alla grande le sue quotazioni. Giocherà alle spalle di Gilardino oppure “alla Totti”, davanti a Jovetic, qualora l’attaccante di Biella osservasse un turno di riposo. Sarà pericoloso in entrambi i casi.

8 Stevan Jovetić (Montenegro)· Trequartista (’89)  – Corvino ha pescato un campione vero. Dopo un fisiologico anno di ambientamento il ventenne montenegrino sta sfornando diamanti in quantità industriale. Scatto bruciante e imprevedibilità nella giocata, con un’intelligenza tattica ed un piede vellutato che lo rendono efficace sia in rifinitura che nella conclusione. Pericolo pubblico.

ALTRI GIOCATORI

  4 Marco Donadel · Centrocampista centrale (’83)

  7 Savio Nsereko (Germania) · Ala sinistra (’89)

  9  Josè Ignacio Castillo (Argentina) · Punta (’75)

14 Cesare Natali · Difensore centrale (’79)

17 Francesco Di Tacchio · Centrocampista centrale (’89)

20 Martin Jørgensen (Danimarca) · Jolly (’75)

32 Marco Marchionni · Ala destra (’80)

35 Vlada Avramov (Serbia) · Portiere (’79)

90 Andrea Seculin · Portiere (’90)

L’ALLENATORE

Claudio Cesare Prandelli

Nato a Orzinuovi (BS) il 19 agosto 1957

PALMARES: 2 Promozioni dalla B alla A (Verona 1998/99 – Venezia 2000/01)

IN SERIE A:  285 partite totali

        – 132 vinte

        – 71 pareggiate 

        – 83 perse

CONTRO IL NAPOLI: 7 partite (4 V, 1 N, 2 P)

CONTRO MAZZARRI: 8 partite (4 V, 4 N)

 MODULO TATTICO: 4-2-3-1

GIOCATORE PIU’ IN FORMA: Cinque gol in quattro partite fra Nazionale, campionato e coppa: Alberto Gilardino è in una condizione strepitosa. Bisognerà fare attenzione perché parliamo di un calciatore che quando è in forma può sbucare dappertutto e segnare in qualsiasi maniera. Ad innescarlo il talento cristallino di Stevan Jovetic che con giocate straordinarie sta attirando l’attenzione di tutta l’Europa che conta. Una coppia mortifera, se poi ci aggiungiamo anche il ritrovato Mutu…

PUNTO FORTE: Bisognerà fare molta attenzione soprattutto al reparto offensivo. Giocatori di fantasia come Jovetic e Santana possono far saltare il banco, il Napoli soffre parecchio i calciatori così tecnici e che si muovono fra le linee. Altro punto a favore della Fiorentina è la cabala: negli scontri diretti fra Prandelli e Mazzarri si contano quattro vittorie del bergamasco e quattro pareggi: trend inviolabile o ulteriore motivo per sfatare un tabù?

PUNTO DEBOLE: Forse non conterà nulla, ma la Fiorentina viene da una probante tornata europea, la stanchezza si farà sentire. Dal punto di vista tattico il Napoli potrebbe rosicchiare qualcosa a centrocampo, data la superiorità numerica, ma la chiave di volta potrebbe essere la sfida fra i rapidissimi attaccanti azzurri e la macchinosa difesa viola.

COSI’ LO SCORSO ANNO: FIORENTINA-NAPOLI 2-1 (0-0)

FIORENTINA (4-3-1-2): Frey; Comotto, Zauri, Gamberini, Gobbi (18’st Pasqual); Donadel (18’st Semioli), Felipe Melo, Montolivo; Santana; Jovetic (1’st Bonazzoli), Gilardino. (Storari, Da Costa, Tagliani, Gulan). All. Prandelli.

NAPOLI (3-5-2): Gianello 6 (31'pt Sepe), Cannavaro, Rinaudo, Aronica; Maggio, Blasi, Pazienza (23’st Montervino), Bogliacino (39’st Russotto), Vitale; Zalayeta, Lavezzi. (Santacroce, Mannini, Pià, Denis). All. Reja

ARBITRO: Rizzoli di Bologna.

MARCATORI: 2' Santana (F), 4' Vitale (N), 34' st Montolivo (F)

NOTE: serata abbastanza fredda, terreno in buone condizioni. Spettatori 35mila circa. Espulso al 47’st Montervino. Ammoniti: Zauri (F) e Comotto (F). Angoli: 3-1. Recupero: 3'pt, 3’st.

MARCATORE MIGLIORE: Jovetic, Gilardino (3 reti)

SQUALIFICATI: Nessuno

INDISPONIBILI: Savio, Marchionni

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »