MORGANTI: ‘MONTERVINO ANIMA DI QUESTO NAPOLI’

Dopo la bella vittoria al San Paolo con la Sangiovannese, il Napoli è atteso ora dalla trasferta di Chieti. Sulla carta (come sempre) non ci dovrebbe essere storia ma un anno e mezzo di serie C ci ha ormai insegnato come le partite più difficili siano proprio quelle contro le squadre di medio-bassa classifica. L’ex squadra di Tommaso Romito, inoltre, è reduce dallo scivolone di Sassari che ha portato Virdis e compagni in piena zona retrocessione. Per carpire qualche segreto sui prossimi avversari del Napoli abbiamo contattato il tecnico degli abruzzesi Gabriele Morganti.

Mister, considerata anche la forza del Napoli, firmerebbe già oggi per un pari o preferirebbe giocarsela comunque sul campo la partita con gli azzurri?

"La partita contro il Napoli è quasi impossibile, questo lo sappiamo benissimo. Certo non partiamo sconfitti in partenza. Puntiamo ad ottenere un risultato positivo. Comunque preferisco senza dubbio giocarmela sul campo".

A cosa è dovuto il tracollo di Sassari?

"A Sassari è stato negativo soprattutto il secondo tempo. Abbiamo preso goal e non siamo più riusciti a riordinare le idee. Anche due domeniche fa abbiamo preso goal a Gela al 90’. Purtroppo è un periodo in cui ci gira male e da questo punto di vista la partita con il Napoli non arriva nel nostro momento migliore. Con un pizzico di fortuna in più saremmo potuti anche stare ai margini della zona play-off perché la classifica, Napoli a parte, è abbastanza corta".

Quale calciatore toglierebbe a Reja?

"Francamente li leverei quasi tutti. Il Napoli ha una rosa straordinaria ed è difficile dire solo un nome. Se ne devo proprio scegliere uno dico Montervino perché è l’anima del Napoli. E’ un trascinatore, uno che non si arrende mai. Inoltre dà consistenza alla squadra ma sa anche giocare la palla".

Virdis e l’ex azzurro Paradiso possono mettere in difficoltà la difesa del Napoli che, per quanto ben organizzata, non è velocissima?

"Me lo auguro. Ho visto le partite del Napoli e so bene quanto la difesa azzurra sia quasi invalicabile. Sono ben attrezzati e non sarà facile superarli. A prescindere da chi giocherà questa può comunque essere un’arma da sfruttare".

In conclusione mister, cosa può opporre il suo Chieti al Napoli?

"La voglia di far bene e di giocarsela alla pari contro una squadra che certamente non merita questa categoria".

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »