MONDIALI 2014, L’ANALISI DI BRASILE-CILE E COLOMBIA-URUGUAY

Domani ricomincia il Mondiale con gli ottavi di finale.

Alle 18 ore italiane tocca al Brasile che scenderà in campo contro il Cile nel primo ottavo di finale. La squadra di Sampaoli ha dimostrato di abbinare forza fisica alle qualità dei propri attaccanti, soprattutto nel match vinto due a zero contro i campioni della Spagna. Dall’altra parte Neymar, con 4 gol in 3 partite, sta trascinando la Nazionale brasiliana non sentendo alcun peso sulle spalle nonostante la giovane età. Le buone prestazioni dei cileni nella prima fase a gironi non intimoriscono la Selecao, che farà di tutto per andare ai quarti  trascinata come sempre dal numero 10.
Partita difficile, ma non impossibile per gli uomini di Scolari. BRASILE.

Alle 22, invece, sarà il turno della Colombia che affronterà l’Uruguay, privo di Luis Suarez, squalificato dalla FIFA dopo il morso a Chiellini. “Los cafeteros” hanno regalato buone giocate nelle prime partite del girone, trascinati dal talento cristallino di James Rodriguez. La Celeste, invece, qualificata dopo la vittoria sull’Italia grazie al gol di Godin nell’ultima partita del girone, vorrà dimostrare ancora una volta quanto di buono fatto negli ultimi anni con Tabarez. Match combattuto: da una parte la classe e la rapidità dei colombiani, dall’altra la “garra” degli uruguagi. COLOMBIA.

 

Translate »