MILAN “STREPATOSO”, IL NAPOLI REGGE PER UN SOLO TEMPO

MILAN “STREPATOSO”, IL NAPOLI REGGE PER UN SOLO TEMPO src=

Milan:(4-4-2) Dida, Bonera, Nesta, Kaladze, Maldini (1' st Favalli), Ambrosini, Pirlo, Seedorf (36' st Gourcuff), Pato, Kakà, Ronaldo (24' st Emerson). A disp. Kalac, Oddo, Brocchi, Gilardino. All. Ancelotti. 

Napoli.(3-5-2) Iezzo, Cupi, Cannavaro, Domizzi, Garics, Hamsik (33' st Dalla Bona), Gargano, Bogliacino (15' st Montervino), Savini (25' st Capparella), Lavezzi, Sosa. A disp. Gianello, Grava, Contini, Calaiò. All. Reja

Arbitro: Rosetti di Torino

Marcatori: 15' pt Ronaldo (M), 28' pt Sosa (N), 31' pt Seedorf (M), 38' pt Domizzi rig. (N), 1' st Ronaldo (M), 23' st Kakà (M), 29' st Pato (M)

Note: ammoniti Pirlo e Domizzi. Al 45' st espulso Gargano (N) per doppia ammonizione

Il Napoli regge alla forza d’urto dei campioni del Mondo per soli quarantacinque minuti. Nel primo tempo Sosa e Domizzi(su penalty) replicavano alle segnature rossonere appannaggio di Ronaldo e Seedorf lasciando dunque presagire un match sulla falsariga del pirotecnico Roma – Napoli dello scorso venti ottobre. Mai previsione si è rivelata più errata: nella ripresa sale in cattedra il famigerato KaPaRo(il trio carioca composto da Kaka, Pato e Ronaldo) e per gli uomini di Reja è notte fonda. Inspiegabile l’involuzione palesata dagli azzurri sia dal punto di vista del gioco che da quello psicologico. Troppo superiore, ad ogni modo, il gap tecnico a favore dei padroni di casa, superiori in particolar modo a centrocampo ove Pirlo e Seedorf fanno valere il proprio acume. Debutto coi fiocchi per l’enfant prodige Pato, autore di giocate da predestinato; ritorno in grande stile di Ronaldo, che dimostra di non aver perso l’antico vizio del gol a dispetto di una condizione atletica ancora non al top. 

EQUILIBRIO   Prima frazione di gara caratterizzata da un ritmo a dir poco incessante. Il Milan conduce le operazioni di gioco tentando soprattutto di sfondare centralmente. Kaka e Ronaldo testano i riflessi di Iezzo. Gli ospiti si affidano soprattutto ai guizzi di un ispirato Lavezzi. Al quindicesimo Ronaldo sblocca il risultato con un diagonale destro che né la deviazione di Iezzo né il tentativo disperato di Cupi riescono a neutralizzare. Quando tutto lascia prevedere il raddoppio milanista, il Napoli perviene al pari con una grande azione di rimessa. Bogliacino sfodera un lancio al bacio per Lavezzi, che con un pregevole tocco destro serve Sosa: l’argentino non sbaglia e batte un incolpevole Dida. L’illusione ha la durata di tre giri di lancetta: Seedorf insacca la rete del due a uno dopo due miracoli di Iezzo su Pato. Ancora il giovane brasiliano impegna l’estremo difensore stabiese con un sinistro dalla distanza. Gli azzurri, tuttavia, rispondono colpo su colpo. Al trentottesimo Domizzi ispira Lavezzi che brucia Kaladze sullo scatto: il difensore georgiano falcia El Pocho e Rosetti decreta il penalty. Maurizio Domizzi si ripresenta dal dischetto dopo l’errore contro il Torino, ma stavolta non fallisce. 

SOLO MILAN   Una sola compagine in campo nella ripresa. Il Milan si porta sul tre a due dopo un solo minuto: Seedorf serve a Ronaldo uno stupendo assist che il Fenomeno traduce in gol con un pregevole tuffo di testa. Garics prova a rispondere con un destro da fuori che incontra l’opposizione di Dida. Col passare dei minuti il ritmo cala considerevolmente. Una situazione che favorisce i padroni di casa: al minuto ventidue Kaka, servito da Favalli, si libera di Gargano e lascia partire un fulmineo destro che non lascia scampo a Iezzo. Reja inserisce Capparella in luogo di Savini: per il centrocampista romano trattasi dell’esordio in serie A. Il Diavolo non è ancora sazio: al ventottesimo una standing ovation saluta la prima prodezza italiana di Pato. Il match finisce qui. Ultimo highlight l’espulsione per doppia ammonizione rimediata da Walter Gargano. 

 

A proposito dell'autore

Post correlati

Translate »