MARAZZINA: “SPERIAMO DI NON PAGARE L’EFFETTO SAN PAOLO”

MARAZZINA: “SPERIAMO DI NON PAGARE L’EFFETTO SAN PAOLO” src=

Massimo Marazzina è stato uno dei protagonisti del Chievo dei miracoli di Gigi Del Neri. Dopo un lungo girovagare tra i club della penisola, è approdato al Bologna. Con la maglia dei felsinei ha già siglato due gol in questa stagione. Il suo obiettivo è quello di riportare i rossoblu nella massima serie. Un test importante sarà, dunque, la partita di sabato al San Paolo. Il Bologna ci arriva con il morale a mille vista la vittoriosa gara interna con l’Arezzo. Secondo Marazzina sarà partita vera perché il Bologna scenderà in campo per cercare la vittoria, e il Napoli per bissare il successo di Bari.

Massimo, che partita sarà Napoli-Bologna?

“Spero possa essere una bella partita. Dal canto nostro non verremo al San Paolo per fare le barricate. Non sono queste le nostre caratteristiche. Anche perché ogni volta proviamo a gestire il risultato non ci riusciamo mai a pieno. Napoli permettendo, proveremo ad imporre il nostro gioco, ben consapevoli di affrontare una squadra importante, reduce da un’ottima vittoria esterna”

Ulivieri ha detto che firmerebbe per un pareggio, sei d’accordo?

“Un pareggio a Napoli sarebbe un ottimo risultato. Non credo, comunque, che con questa affermazione il mister abbia voluto dire che baderemo solo a difenderci. Ripeto, proveremo a fare la nostra partita. Rispetto al Napoli siamo avvantaggiati dal fatto di avere a disposizione due risultati su tre”.

Il Napoli gioca con un 3-4-1-2 che all’occorrenza si trasforma in un 5-3-2. Da attaccante, come si fa a scardinare una difesa composta da cinque elementi?

“Sai, i numeri lasciano il tempo che trovano. Difendersi a cinque non vuol dire essere più coperto rispetto a quando difendi a tre. Molto dipende dalla mentalità con cui si scende in campo. Il Napoli, comunque, ha calciatori molto forti e sicuramente dovremo inventarci qualcosa per riuscire a fare gol”.

C’è un aspetto che temi in particolare del Napoli?

“Sicuramente c’è da temere uno stadio importante ed un pubblico particolarmente caldo. All’inizio la pressione si farà sentire, ma siamo professionisti e cercheremo di concentrarci esclusivamente sulla partita. Spero che la squadra non paghi l’effetto San Paolo”.

Quali sono, secondo te, le maggiori indiziate alla promozione in serie A?

“I soliti nomi che si fanno. Ci siamo noi, il Napoli, la Juventus, il Genoa. In pratica quelle che ora guidano la classifica. La B è un campionato lunghissimo. La spunterà chi sarà più costante”.

Translate »