Andriy Lunin, 11 Febbraio 1999, alto 1,92. Originario di Krasnograd, ha iniziato a giocare prima nella scuola calcio del Metalist Kharkiv dal 2012, poi in quella del Dnipro che su di lui ci aveva visto lungo. Tanto che dopo un solo anno, il 16 ottobre del 2016, viene lanciato titolare in prima squadra contro il Karpaty a 17 anni e mezzo. I problemi economici del Dnipro — che nel 2015 si giocò la finale di Europa League, perdendola, contro il Siviglia — obbligarono il club a vendere i migliori elementi della rosa e a puntare sui talenti in casa. Tra cui, appunto, Lunin. I cui meriti sono emersi rapidamente: in 25 partite tra campionato e Coppa nazionale riuscì a tenere la porta chiusa in dieci occasioni. La stagione del Dnipro precipitò: i 24 punti di penalizzazione dovuti ai mancati pagamenti del presidente Kolomoyskyi nei confronti di giocatori e allenatori produssero la penalizzazione della doppia retrocessione in terza serie. Lunin, svincolato, scelse lo Zorya l’estate scorsa. Ha fatto il suo debutto con la nazionale maggiore dopo appena tre presenze con l’Under 21. Portiere agile e forte fisicamente, fa dell’esplosività la sua arma maggiore. Deve un po’ migliorare nelle uscite, ma è giovane ed ha tutto il tempo dalla sua parte.

Di seguito alcuni interventi del giovane portiere Ucraino:

https://youtu.be/F-87qMX4038