Lo Zibaldone azzurro: Napoli-Bologna dalla A alla Z

Riviviamo la partita di ieri pomeriggio con il classico gioco dell’alfabeto

Avvio di gara da incubo. Sembrava l’inizio di un film horror che è durato fortunatamente soltanto tre minuti.

Brillantezza”- È la parola più utilizzata da Maurizio Sarri nel post-partita. Dopo una delle rare settimane intere di lavoro non era semplice giocare su ritmi alti. Contavano i tre punti: soltanto questi.

Chiriches- Pessima la prestazione del difensore rumeno che non riesce mai a contenere Rodrigo Palacio. Imbarazzante il modo in cui si è lasciato superare più di una volta dal trentaseienne argentino. Torna presto Raul!

Doccia gelida per il San Paolo, che dopo soli ventisette secondi ha temuto di essere al centro di uno degli incubi più brutti. Un colpo al cuore notevole, poi il fatto è tornato a tingersi d’azzurro.

Energia inesauribile, ma questa volta è meno lucido del solito. Marques Allan, così come tutti i propri compagni, non è impeccabile in fase di impostazione ma il suo contributo è sempre fondamentale. Ossigeno per tutti.

Fraseggio che non crea spettacolo. Non è stato di certo il miglior Napoli, con la fonte di gioco occlusa perennemente da un Palacio in condizione clamorosamente stratosferica. Belli no, vincenti sì. 

Gentile omaggio da parte del ‘goffo’ Mbaye che rimette in carreggiata il Napoli con un gesto tecnico strabiliante.

Hysaj- Maggiormente propositivo sull’out di destra con alcuni scambi interessanti andati a buon fine con Callejon ed Allan. Mal posizionato in occasione del vantaggio rossoblù.

Indemoniato- Il 2018 ha ripresentato un Dries Mertens in uno stato da “over the top”. Freddissimo dal dischetto, geniale nel disegnare la parabola meravigliosa che si infila alla sinistra del povero Mirante.

L’ira incontenibile che coinvolge l’intera tifoseria. Lascia quantomeno a desiderare la scelta di cedere Maksimovic, con un Vlad Chiriches così disatroso. Tuttavia in questi ultimi tre giorni di mercato possiamo stare tranquilli: ci penserà il signore che non dorme mai!

Mostruoso l’andamento stagionale dei partenopei. 57 punti in 22 sfide è un bottino straordinario. Il problema è che l’avversario lí dietro non molla di un centimetro, e dalla sua può contare su una rosa più competitiva. Al di là di tutto, chapeau al campionato del Napoli (almeno fin’ora).

Nuovi ruoli per Zielinski e Rog. Maurizio Sarri, dinanzi ad un mercato non propriamente brillante, ha l’abilità di inventarsi collocazioni differenti per alcuni elementi del collettivo.

Ostinato a lamentarsi ripetutamente in occasione di ogni sfida contro il Napoli. Serve pazienza: probabilmente Roberto Donadoni avrà mal digerito l’esonero di qualche anno fa…

Pulgar- Disastroso, partita pressoché identica rispetto a quella dello scorso settembre. Impreciso e totalmente disorientato!

Quarantotto reti in campionato. Non il miglior attacco, ma poco conta dal momento che gli azzurri sono ancora primi mostrando talvolta un look meno affascinante.

Reina- Commette un solo errore in uscita nel primo tempo. Pelo nell’uovo: lo spagnolo si rivela decisivo impedendo agli ospiti di portarsi nuovamente in vantaggio.

Scherzo del destino riservato all’uomo che rifiuta di giocare nel paradiso calcistico. Quattro minuti ed è costretto (forse) a dare forfait. Buona guarigione caro Simone!

Tenacia a dismisura portata sul terreno di gioco da Marko Rog. Tutta la fame agonistica di colui che vorrebbe spaccare il mondo, ma ha la “sfortuna” di ritrovarsi un Allan in stato di grazia davanti.

Unico Maurizio Sarri che non manda frecciatine in modo di diretto, ma riesce sempre a trovare il modo per ammutolire coloro che tentano di attaccare il Napoli.

Voragini che in più di una circostanza stavano per condizionare la partita. In fase di copertura e di contenimento questa volta  il Napoli va rivisto.

Zielinski- Versatile e duttile. Fantasia a disposizione della squadra in un momento in cui le idee non erano delle migliori. Un patrimonio in panchina.

 

 

 

 

A proposito dell'autore

Giuseppe Lombardi

Post correlati

Translate »