LE RESPONSABILITA’ DI MASANIELLO

La scelta di Fabio Quagliarella di vestire la maglia del Napoli è stata dettata dal cuore. Dalla sua voglia di indossare quei colori per i quali da sempre tifa. In questo risorgimento napoletano voluto dal presidente De Laurentiis lui si sente un po’ Masaniello: il capo popolo che comanda la rivolta contro lo strapotere delle squadre del nord, per riportare la sua gente ai vertici del calcio italiano. Per questo quando scende in campo avrebbe voglia di spaccare il mondo. Di prendere per mano la squadra anche quando le gambe non rispondono alla perfezione agli input mandati dal cervello. Perché, se la cose vanno male, lui ci soffre prima come tifoso e poi come calciatore. E’ uno del popolo, Fabio. E con quel rigore avrebbe voluto spezzare il tabù esterno che durava da un anno. Del resto Hamsik lo aveva sbagliato contro il Siena. Adesso toccava a lui. Ma Frey domenica era in vena di miracoli. Poco importa. Come cantava De Gregori “non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”. Quello che conta è che Quagliarella trovi quanto prima la migliore condizione. E che Mazzarri lo lasci meno solo là davanti.

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »