LE INDIVIDUALITA’ FANNO SORRIDERE IL NAPOLI

Pocho, Pocho, Pocho è stato lui Ezequiel Lavezzi il trascinatore della vittoria del Napoli. Gli azzurri non vincevano dal 9 dicembre contro il Parma. Una partita davvero difficile quella vinta contro la squadra di Marino che si vede che quando gioca contro il Napoli sia destinata a vedere i sorci verdi.L' inizio del Napoli è stato molto promettente, poi gli azzurri hanno fatto il solito errore di ritrarsi dopo il vantaggio e l'Udinese ha spadroneggiato mettendo in luce delle trame di gioco veramente notevoli. Per fortuna del Napoli i friuliani non ne hanno approfittato. Il Napoli ha denotato nella prima frazione i soliti limiti in fase di filtro, con gli avversari che facevano quello che volevano. La squadra dopo essere rimasta in dieci paradossalmente si è messa meglio in campo, ha giocato con personalità non rinunciando mai all' offensiva, anzi alzando finalmente il baricentro. Chiaro che poi per vincerla c'era bisogno del colpo dei fuoriclasse, fortunatamente il Napoli ha Lavezzi. Reja è partito con un 3-5-2 tenendo molto basso Mannini che se l'ha cavata egregiamente nonostante non pertengano a lui le mansioni difensive. La squadra si è poi assestata molto meglio nella ripresa e si è sofferto quasi per niente quando si è passati alla difesa a quattro. Segnaliamo la prestazione davvero eccellente di Zalayeta che si è sacrificato alla grande per i compagni.

LE PAGELLE

Gianello 6 Il gol era praticamente imprendibile, poi riesce con buone uscite ad evitare il peggio sui calciatori friuliani

Grava 5,5 Soffre molto la velocità di Di Natale, si arrangia con mestiere

Contini 6 Si riprende nella ripresa con delle belle chiusure, la diagonale però sul gol di Pepe doveva farla lui

Cannavaro 5 Salva la patria ed un gol sicuro, il rosso diretto gli vale però l' uscita prematura dal campo. Su Quagliarella lanciato a rete non riesce a chiudere

Garics 5,5 Partita senza infamia e lode, consueto impegno e generosità 

Gargano 5,5 Molta confusione, molte palle perse, riesce comunque a recuperare qualche attestato di stima per il buon finale

Blasi 6,5 Il solito gladiatore, una tigre nel mordere le caviglie degli avversari, il padrone del centrocampo

Hamsik 5 Oggi non entra in partita, giochicchia, anche se non commette grossi errori

Mannini 6 Si sacrifica per buona parte della partita a fare il terzino, il suo impatto come personalità in un ruolo adattato è stato molto positivo

Zalayeta 7 Una partita davvero eccezionale, accorcia la squadra, conquista falli, serve l' assist del terzo gol a Lavezzi. Ritrovato

Lavezzi 8 La partita l'ha vinta lui con la magia della seconda rete. Il terzo gol ha fatto stropicciare gli occhi alla gente del San Paolo, sinuosa la parabola disegnata 

Santacroce 6 Entra in partita con disinvoltura e con buona personalità, lodevole anche un' iniziativa con cui effettua una bella sgroppata in avanti partendo dalla propria aera

Pazienza n.g

Bogliacino n.g

Reja 6 Finalmente torna a vincere. E' sembrato un azzardo sacrificare in un modulo come il 3-5-2 un giocatore dalle caratteristiche di Mannini. Deve correggere quei buchi che si sono verificati nel primo tempo, ancora contropiedi e rischi assurdi presi dalla squadra. La sua squadra non ha gioco, tuttavia questa volta le individualità gli hanno tolto le castagne dal fuoco

Ayroldi 5 Inflessibile e rigido questo lo si sapeva, la gestione dei cartellini  è sembrata ineccepibile per Cannavaro, eccessiva con Pepe  

 

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »