Karnezis: “Onorato di essere qui. Meret un talento. Napoli come la Grecia!”

Orestis Karnezis ha parlato in esclusiva ai microfoni di Radio Kiss Kiss Napoli: “Venire qua è stato un grande onore e una grande soddisfazione per me. Sapevo che il Napoli fosse una grande squadra e non vedevo l’ora di cominciare gli allenamenti. Partite come quella contro il Psg non le dimentichi più. C’è amarezza perchè nel secondo tempo potevamo di più ma il punto conquistato è comunque molto importante. Meret? Portiere di grandissimo talento, grande prospettiva. Ha tutte le capacità fisiche e tecniche per fare una grande carriera. È stato sfortunato con gli infortuni. Speriamo torni presto per dimostrare sue qualità. È un buon segnale quello di avere tre portieri bravi, due di esperienza e uno di talento. Chiunque gioca fa bene. Il Napoli ha giocatori di altissima qualità che possono segnare in qualsiasi modo ed in qualsiasi momento. E questo è molto importante in una grande squadra come Napoli. Genoa? È molto pericoloso soprattutto quando gioca in casa. Il pubblico suona la carica e per gli avversari è difficile. Dobbiamo dimenticare il Psg, sarà una partita molto importante per il prosieguo del campionato. In corsa per la Champions? È un grande sogno, un grande obiettivo passare il girone. Abbiamo affrontato squadre che hanno grandissimi budget e hanno fatto finali di Champions. Faremo di tutto per passare. Perchè si diventa portieri? Devi essere un pò pazzo. Quando prendi un gol è sempre colpa del portiere, per cui devi avere spalle larghe. È un bellissimo ruolo; puoi fare anche miracoli per 90’ e poi fai un errore e diventi il brocco della situazione. Allan? Sono molto contento per lui, lo conoscevo dai tempi di Udine. L’ha dimosttato anche qui. Non è un caso che sia stato convocato dal Brasile. Corre tantissimo. Zielinski più maturo rispetto a Udine? Ha qualità enormi, non ha ancora dimostrato tutto al 100 per 100. Ha tutte le qualità per diventare un top player. Koulibaly? In questo momento, ma anche anno scorso, è uno dei migliori difensori che abbia mai visto. Cosa mi piace di Napoli? La passione, come in Grecia. Abbiamo quasi la stessa mentalità: siamo entrambi un popolo molto caldo. Cibo migliore? È difficile scegliere. Napoletano? ‘Aspiett”

A proposito dell'autore

Alessio Pizzo

Studente in Comunicazione Digitale, appassionato di calcio, tecnologia e buone letture. Vanta già esperienza giornalistica con 100 *100 Napoli

Post correlati

Translate »