INTER SCUDETTO IN TASCA, FIORENTINA ALLUNGO DECISIVO PER LA CHAMPIONS, ANCORA TANTO CAOS IN CODA

INTER SCUDETTO IN TASCA, FIORENTINA ALLUNGO DECISIVO PER LA CHAMPIONS, ANCORA TANTO CAOS IN CODA src=

Una Juventus, solo parente lontana di quella delle ultime giornate, ben disposta tatticamente con Iaquinta una spanna sopra gli altri, ha conquistato un meritato pareggio a San Siro e mantiene così lontana a tre punti la Fiorentina e, con l’occasione, toglie ogni residua speranza di scudetto al Milan cui, per la verità, sono mancati i colpi di genio dei suoi fuoriclasse, Kakà, in particolare. Altro rilievo, Pato e Ronaldinho  forse sono entrati troppo tardi in campo, quindi il loro apporto è stato molto vicino allo zero.Il risultato di San Siro, alla fine, va bene all’Inter, malgrado il risultato della partita con il Chievo che ha avuto il merito di affrontare il blasonato avversario a viso aperto e senza timori. Sempre avanti di 7 punti, con ogni probabilità, i Nerazzurri domenica sera potranno festeggiare lo scudetto, visto che incontreranno il Siena, già ampiamente in salvo.

 

Un bel passo in avanti nella Zona-Champions ha fatto la Fiorentina, vittoriosa con il classico punteggio, 2 a 0, sul Catania e con il giovane Jovetic sugli scudi, che non ha fatto rimpiangere l’assenza di Mutu. I Viola sono adesso avanti di 3 punti sul Genoa che si è salvato per il rotto della cuffia a Bergamo. Si fa avvincente la lotta per l’ultimo posto disponibile per la Coppa Uefa: quattro squadre sono infatti racchiuse nello spazio di altrettanti punti.La Roma, dopo aver letteralmente mangiato diversi gol, ha trovato la forza di rimontare il passivo di due reti subite dal Cagliari, mentre il Palermo non sfrutta a dovere la favorevole occasione perdendo per 1 a 0 contro un Siena sempre più desideroso di rivincite. A tre punti dai Giallorossi c’è l’Udinese  che è arrivata al quinto successo consecutivo, passando per 3 a 1 sul campo di una Lazio forse già con la testa alla finale di Coppa Italia che la vedrà opposta alla Sampdoria. I Blucerchiati,nell’anticipo di sabato,  anche se privi di Cassano, hanno rifilato 5 palloni alla Reggina.

 

Gli scontri salvezza. Per il Torino, 1 a 1 con il Bologna, ma i Granata imprecano alla sfortuna per aver mancato la palla del ko decisivo. Lo stesso risultato si è registrato a Lecce, frenato dall’orgoglio del Napoli, messo alla berlina dopo la gara di domenica scorsa con il Siena. Su questa partita, due considerazioni: Donadoni ha mandato in campo una formazione con molti uomini nuovi rispetto alla gara precedente, ed ha fatto bene. Altra considerazione, forse un po’ maliziosa: abbiamo visto in campo (finalmente) dal primo minuto Datolo, che si è messo in luce fin quando è stato assistito dalla forma, considerando che non ha ancora i 90 minuti nelle gambe. Donadoni ha voluto così sperimentare il sostituto di Hamsik?

 

Domenica prossima è in programma proprio Bologna-Lecce. Ancora uno scontro diretto tra due squadre che vogliono sfuggire al calvario della B, dal quale è uscito, con pieno merito, il Bari, guidato da un allenatore, per così dire “nuovo”, sul quale si appunta l’attenzione di alcuni grandi club. Staremo a vedere.

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »