IL RITORNO DI MAURI

IL RITORNO DI MAURI src=
"Arzano promossa in A1. Dov’è Arzano? Vicino Napoli? Però, quasi quasi…".

Quando ha saputo che la Originale Marines voleva ingaggiarla, ma soprattutto quando ha capito dov’è Arzano, non ha avuto esitazioni ed ha deciso di non cancellare più all’estero l’amara esperienza di Lodi.

Quei due "quasi" ora sono due certezze: Napoli è tornata nella pallavolo che conta e a Napoli è tornata Maurizia Cacciatori.

Bentornata Maurizia, racconta l’accoglienza ricevuta al Palazzetto

Grazie. Non è facile descrivere, è stata un’accoglienza incredibile, stellare. Un pubblico così in festa non lo avevo visto nemmeno per una vittoria tricolore, ma non è stata una sorpresa queste sono sensazioni che ho già provato nella mia prima esperienza napoletana, sia quando giocavo, sia nella vita normale. Però tengo a precisare che tutta quella gente non era lì solo per me; hanno salutato anche le altre ragazze, segno di un grande attaccamento alla squadra.

Speriamo che tutto ciò non duri poco, che la Original Marines non sia una meteora

A questo dovrebbero rispondere i dirigenti. Comunque io sono ottimista, mi ha contagiato l’ottimismo che vedo in giro ed anche alcune scelte di mercato che secondo me sono azzeccate. Insomma la voglia di fare bene c’è, la gestione societaria è ottimale e poi, ripeto, questo clima di allegria sicuramente ci sarà di aiuto.

Come vedi la squadra. Ti spaventa non lottare per il titolo?

Guarda, è un discorso prematuro adesso. La squadra sarà ritoccata e solo allora si saprà dove potremo arrivare. Comunque le due americane sono giocatrici ottime nonché esperte, poi vedremo le italiane che verranno, saranno almeno tre, come da regolamento, però non sarà facile vista la poca disponibilità che c’è in giro.

Farai loro da chioccia?

"Fare da chioccia…", bella frase. Non so se toccherà proprio a me, so che avrò di certo delle responsabilità, ma se le altre ragazze in campo avranno quell’allegria e quella carica che solo questo pubblico può dare tutto sarà più facile.

Per finire, il tuo rapporto con la Nazionale

È inutile dire che sarò sempre tifosa della Nazionale, ma per quanto mi riguarda è un discorso chiuso. Un po’ mi dispiace, in particolare per come si è chiuso, ora bisogna dare spazio alle giovani come del resto sta facendo lo staff tecnico. Solo così si potrà tornare alle vittorie del passato.

A proposito dell'autore

Post correlati

Translate »