IL NAPOLI NON MOLLA LA CHAMPIONS

IL NAPOLI NON MOLLA LA CHAMPIONS src=

Napoli (3-4-2-1) De Sanctis, Campagnaro, Cannavaro,Aronica, Maggio, Inler (Vargas 76’st), Gargano, Zuniga (Dossena 89’st), Dzemaili, Hamsik (Ammendola 91’ st), Cavani. Panchina: Colombo, Britos, Fideleff, Fernandez. All. Mazzarri

Novara (5-3-2) Fontana, Morganella, Paci (Della Fiore 77 st), Centurioni, Lisuzzo, Gemiti, Porcari, Radovanovic (Pesce 76’st) Jensen, Mascara (Rubino 76’ st), Caracciolo. Panchina: Coser, Rinaudo, Mazzarani, Morimoto. All. Tesser

Arbitro: Doveri; Guardalinee: Di Fiore-Nicoletti.

Ammoniti: Morganella (No), Campagnaro (Na).

Marcatori: Cavani (20’pt); Cannavaro (37’st)

Recupero: 0’ pt; 4’st.

Dopo la tragedia consumatasi sul terreno dell’Armando Picchi di Livorno, che ha visto spirare il povero PierMario Morosini , torna il calcio giocato.Il Napoli, dopo gli ultimi risultati negativi, affronta in casa il Novara, in un match che sulla carta appare più che abbordabile. Gli azzurri, privi di Lavezzi ( infortunato) e Pandev ( squalificato) , si schierano con il loro solito 3-5-2 con De Santis tra i pali, pacchetto arretrato composto da Campagnaro, Cannavaro e Aronica.In mediana si rivede Maggio, al rientro dopo i numerosi infortuni , con Inler e Gargano al centro , Zuniga occupa invece l’out sinistro. In avanti al supporto dell’inamovibile Cavani , giocano Hamsik ( fresco di rinnovo) e lo svizzero Dzemaili.Il Novara invece , parte con un 5-3-2 che la dice lunga sulle pretese del match della squadra piemontese. In porta il numero 31 Fontana , Morganella , Paci , Lisuzzo, Centurioni e Gemiti compongono la folta retroguardia ; centrocampo con Porcari , Radovanovic e Jensen.Attacco formato dall’ex Mascara e dall’Airone Caracciolo.Il primo colpo di scena , porta la firma dell’arbitro. Doveri infatti, s’infortuna alla spalla ed è costretto a recarsi in infermeria. Le cure dei medici partenopei rimettono in sesto il fischietto di Volterra , che riavvia il cronometro e da ( di nuovo) via al match . Napoli che dimostra subito di possedere saldamente il timone dell’incontro . Primo acuto che arriva all’ ottavo con Maggio,che sfrutta un ottimo lancio di Inler e mette al centro ; sul pallone si fionda Cavani che leggermente defilato, non riesce ad insaccare.Risponde poi il Novara che sfrutta il non perfetto schieramento della retroguardia partenopea : Porcari , lanciato da Caracciolo , si ritrova a tu per tu con De Sanctis che , in uscita , chiude lo specchio della sua porta.  Al dodicesimo gli azzurri si fanno pericolosi con le conclusioni da fuori : ci prova Inler, ma il pallone termina alto sulla traversa.Un minuto più tardi , occasionissima per il Napoli da calcio d’angolo con Maggio che svetta su tutti : Fontana è battuto ma Porcari , appostato sulla linea, respinge miracolosamente di testa.La palla poi ballonzola pericolosamente in area terminando in corner dopo aver sfiorato il palo. Al ventesimo svarione difensivo della retroguardia del Novara , Fontana sbaglia clamorosamente in fase di rilancio , regalando il pallone a Dzemaili , lo svizzero si dimostra freddissimo e , anziché provare una conclusione affrettata, serve a Cavani un pallone d’oro ; porta spalancata e pallone in rete : 1 a 0 !Gli azzurri tornano poi a farsi pericolosi poco dopo la mezz’ora con Maggio, che , servito da Cavani , impegna seriamente l’esterno difensore del Novara, ma l’arbitro annulla tutto per fuorigioco.Continua il monologo azzurro : ancora impreparata la difesa novarese,rea di risalire in modo non omogeneo.Gargano completamente solo lancia Cavani che aveva eluso con un movimento i lungagnoni Ludi e Paci .  L’uruguaiano conclude , ma Fontana si fa trovare pronto.Il pallone rimane lì e Cannavaro rimasto in zona offensiva, stoppa e deposita in rete con rabbia, siglando il raddoppio.Scorre poi senza altre azioni degne di nota la restante parte della prima frazione di gara.

Nella ripresa, si ripresentano in campo gli stessi undici per entrambe le compagini in campo.Cavani dimostra subito di non essere sazio, ed al cinquantunesimo colpisce di sinistro con violenza un pallone servitogli da Dzemaili, ma la mira non è delle migliori.Risponde il Novara con Morganella tre minuti più tardi, ma il suo tentativo viene deviato in corner. Sul tiro dalla bandierina il pallone viene raccolto da Zuniga. Il colombiano si lancia in un autentico coast to coast, giungendo al limite dell’area del Novara e provando una conclusione che non procura particolari patemi all’estremo difensore avversario.Al sessantesimo manovra prolungata e ben congeniata dagli azzurri che si conclude con un bel destro di Dzemaili(molto ispirato stasera) che Fontana respinge in angolo di piede.Un minuto più tardi è Cavani a rendersi nuovamente pericoloso, prima di testa, poi di destro, ma in entrambe le occasioni i suoi tentativi non ottengono i frutti sperati.Al sessantacinquesimo è ancora Dzemaili a provare a trafiggere la porta difesa da Fontana, ma la sua conclusione viene deviata in angolo.Squillo del Novara al settantesimo con Mascara che batte una bella punizione dall’out destro. Jensen svetta su tutti, ma il colpo di testa è centrale e De Sanctis blocca senza problemi. Ancora Novara pericoloso al settantaseiesimo ed ancora di testa. Stavolta è Caracciolo a rubare il tempo alla difesa azzurra, ma anche il suo tentativo termina fuori dallo specchio della porta partenopea. Tre minuti più tardi è Cavani a tenere ancora sulla corda il povero Fontana con un sinistro potente che l’estremo difensore devia in angolo. Dalla battuta di quest’ultimo scaturisce uno bello scambio tra Hamsik e Zuniga che porta lo slovacco alla conclusione, ma il suo urlo di gioia viene strozzato in gola da Fontana che respinge con un grande intervento.Nei minuti finali sono le sostituzioni a farla da padrone. Finisce 2 a 0. Vittoria largamente prevista dagli addetti ai lavori, che conferisce all’ambiente una rinnovata fiducia e speranza in vista di una rincorsa Champions che si preannuncia ai limiti dell’impossibile.

A proposito dell'autore

Post correlati

Translate »