IL CIUCCIO AVVELENA IL BISCIONE!

IL CIUCCIO AVVELENA IL BISCIONE! src=

Inter (4-3-1-2): Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel, Chivu (42’ pt Nagatomo); Zanetti, Cambiasso, Obi; R. Alvarez (16’ st Stankovic); Forlan (23’ st Zarate), Pazzini. A disposizione: Castellazzi, Coutinho, Muntari, Castaignos. All. Ranieri.

Napoli (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica (41’ st Fernandez); Maggio, Inler, Gargano, Zuniga; Hamsik, Pandev (5’ st Mascara); Lavezzi (33’ st Chavez). A disposizione: Rosati, Fideleff, Dossena, Santana. All. Mazzarri.

Arbitro: Rocchi di Firenze. Assistenti: Nicoletti – Romagnoli di Macerata.

Marcatori: 42’ pt Campagnaro (N), 11’ st Maggio (N), 29’ st Hamsik (N).

Ammoniti: Zuniga (N), Chivu (I), Zanetti (I), Julio Cesar (I), Mascara (N). Espulso Obi (I) al 40’ pt per doppia ammonizione; espulso Ranieri alla fine del primo tempo per proteste.

Angoli: 6-2 per il Napoli.

Possesso palla: 59%-41% per il Napoli.

Recupero: 1’ pt, 2’ st.

“Auguri mister, questa sera le abbiamo regalato una vittoria alla Scala del calcio”. Avranno detto questo gli azzurri a Mazzarri dopo la fine del match? O forse qualcosa di simile. E’ un Napoli incredibile. Dominio assoluto in casa Inter. Dopo diciassette anni Partenope ritorna ad essere padrona di Milano. Un’Inter nervosa dopo un calcio di rigore dubbio concesso al Napoli verso la fine del primo tempo. Azzurri devastanti nelle ripartenze. Hamsik sbaglia il penalty, ci pensa Campagnaro sulla respinta di Julio Cesar a insaccare. Poi Maggio e lo stesso Hamsik mettono il sigillo sul dominio degli uomini di Mazzarri.

Le formazioni – Nell’Inter recupera Pazzini, a fargli coppia c’è Forlan, Milito neanche in panchina; davanti a Julio Cesar ci sono Lucio e Samuel centrali, Chivu sulla sinistra e il recuperato Maicon sulla destra; a centrocampo Zanetti, Cambiasso e Obi, Ricky Alvarez più avanzato. Nel Napoli non ce la fa Cavani, in attacco ci sono Pandev e Hamsik con Lavezzi punta centrale; Campagnaro, Cannavaro e Aronica a guardia di De Sanctis; a centrocampo fuori Dossena, c’è Zuniga sulla sinistra, sulla destra rientra Maggio, Inler e Gargano agiranno centralmente.

Primo tempo – Parte bene l’Inter con alcune folate offensive di Maicon sulla destra prive però di concretezza. Il Napoli aspetta i nerazzurri per poi ripartire in contropiede. Al 12’ è l’Inter ad essere pericolosa: destro da fuori di Forlan, palla che esce fuori di pochissimo. Gli azzurri attendono troppo e l’Inter sembra avere in pugno il gioco. Al 24’ goal annullato ai nerazzurri: destro potente di Zanetti da lontano, De Sanctis non trattiene, Pazzini insacca ma è in offside. Il Napoli ha conquistato più calci d’angolo dell’Inter ma non riesce a tirare in porta. E’ il 29’: Inler vede Zuniga in area ma il colombiano è impreciso nell’appoggio e manda alto. Ancora Napoli: 31’, cross nell’area piccola del solito Zuniga ma Lavezzi non ci arriva. 34’, Lavezzi si invola verso la porta ma Zanetti lo atterra al limite dell’area: per Rocchi non è nulla. Clamoroso! Se non è fallo questo! 40’, è il momento del Napoli: Obi spinge Maggio in area e Rocchi decreta il calcio di rigore. Doppia ammonizione per il centrocampista nigeriano e quindi espulsione. Chivu non ce la fa, al 41’ entra Nagatomo. Hamsik dal dischetto si fa ipnotizzare da Julio Cesar ma sulla ribattuta è pronto Campagnaro che insacca! E’ il 42’, il Napoli è in vantaggio. Gli azzurri finiscono la prima frazione di gioco in crescendo, i calciatori dell’Inter sono nervosissimi: ammoniti Zanetti e Julio Cesar per proteste.

Secondo tempo – Nell’Inter non c’è più mister Ranieri in panchina espulso durante la fine del primo tempo. Pandev non ce la fa: al 5’ entra Mascara. Ed è proprio il folletto siciliano a lasciare un’impronta importantissima sul match: 11’, assist dell’attaccante azzurro per Maggio che anticipa Nagatomo e con un pallonetto insacca alle spalle di Julio Cesar. Il Napoli raddoppia e mette in cassaforte il match! Bruciante lo scatto dell’esterno azzurro. Al 16’ entra Stankovic per un impalpabile Alvarez. Ancora Napoli. 20’: uno-due tra Zuniga e Hamsik, cross in mezzo dello slovacco, Zuniga a porta vuota spara alto! Poteva essere il terzo goal. Entra Zarate tra le fila dei nerazzurri al posto di Forlan, siamo al 23’. Dopo sei minuti l’apoteosi: Lavezzi lancia Hamsik a rete, il centrocampista azzurro a tu per tu con Julio Cesar insacca. E sono tre! L’Inter è al tappeto. Il Napoli fa melina, i nerazzurri non ci sono più. Esordio per Chavez che al 33’ sostituisce l’inesorabile Lavezzi. Dopo due minuti di recupero finisce il match. Il San Siro è una bolgia azzurra, dagli spalti si ode l’inno napoletano “Oje vita, oje vita mia”. La Milano nerazzurra è stata riconquistata dopo diciassette anni. Alla faccia della scaramanzia…

 

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

IL CIUCCIO AVVELENA IL BISCIONE!

IL CIUCCIO AVVELENA IL BISCIONE! src=

Inter (4-3-1-2): Julio Cesar; Maicon, Lucio, Samuel, Chivu (42’ pt Nagatomo); Zanetti, Cambiasso, Obi; R. Alvarez (16’ st Stankovic); Forlan (23’ st Zarate), Pazzini. A disposizione: Castellazzi, Coutinho, Muntari, Castaignos. All. Ranieri.

Napoli (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Aronica (41’ st Fernandez); Maggio, Inler, Gargano, Zuniga; Hamsik, Pandev (5’ st Mascara); Lavezzi (33’ st Chavez). A disposizione: Rosati, Fideleff, Dossena, Santana. All. Mazzarri.

Arbitro: Rocchi di Firenze. Assistenti: Nicoletti – Romagnoli di Macerata.

Marcatori: 42’ pt Campagnaro (N), 11’ st Maggio (N), 29’ st Hamsik (N).

Ammoniti: Zuniga (N), Chivu (I), Zanetti (I), Julio Cesar (I), Mascara (N). Espulso Obi (I) al 40’ pt per doppia ammonizione; espulso Ranieri alla fine del primo tempo per proteste.

Angoli: 6-2 per il Napoli.

Possesso palla: 59%-41% per il Napoli.

Recupero: 1’ pt, 2’ st.

“Auguri mister, questa sera le abbiamo regalato una vittoria alla Scala del calcio”. Avranno detto questo gli azzurri a Mazzarri dopo la fine del match? O forse qualcosa di simile. E’ un Napoli incredibile. Dominio assoluto in casa Inter. Dopo diciassette anni Partenope ritorna ad essere padrona di Milano. Un’Inter nervosa dopo un calcio di rigore dubbio concesso al Napoli verso la fine del primo tempo. Azzurri devastanti nelle ripartenze. Hamsik sbaglia il penalty, ci pensa Campagnaro sulla respinta di Julio Cesar a insaccare. Poi Maggio e lo stesso Hamsik mettono il sigillo sul dominio degli uomini di Mazzarri.

Le formazioni – Nell’Inter recupera Pazzini, a fargli coppia c’è Forlan, Milito neanche in panchina; davanti a Julio Cesar ci sono Lucio e Samuel centrali, Chivu sulla sinistra e il recuperato Maicon sulla destra; a centrocampo Zanetti, Cambiasso e Obi, Ricky Alvarez più avanzato. Nel Napoli non ce la fa Cavani, in attacco ci sono Pandev e Hamsik con Lavezzi punta centrale; Campagnaro, Cannavaro e Aronica a guardia di De Sanctis; a centrocampo fuori Dossena, c’è Zuniga sulla sinistra, sulla destra rientra Maggio, Inler e Gargano agiranno centralmente.

Primo tempo – Parte bene l’Inter con alcune folate offensive di Maicon sulla destra prive però di concretezza. Il Napoli aspetta i nerazzurri per poi ripartire in contropiede. Al 12’ è l’Inter ad essere pericolosa: destro da fuori di Forlan, palla che esce fuori di pochissimo. Gli azzurri attendono troppo e l’Inter sembra avere in pugno il gioco. Al 24’ goal annullato ai nerazzurri: destro potente di Zanetti da lontano, De Sanctis non trattiene, Pazzini insacca ma è in offside. Il Napoli ha conquistato più calci d’angolo dell’Inter ma non riesce a tirare in porta. E’ il 29’: Inler vede Zuniga in area ma il colombiano è impreciso nell’appoggio e manda alto. Ancora Napoli: 31’, cross nell’area piccola del solito Zuniga ma Lavezzi non ci arriva. 34’, Lavezzi si invola verso la porta ma Zanetti lo atterra al limite dell’area: per Rocchi non è nulla. Clamoroso! Se non è fallo questo! 40’, è il momento del Napoli: Obi spinge Maggio in area e Rocchi decreta il calcio di rigore. Doppia ammonizione per il centrocampista nigeriano e quindi espulsione. Chivu non ce la fa, al 41’ entra Nagatomo. Hamsik dal dischetto si fa ipnotizzare da Julio Cesar ma sulla ribattuta è pronto Campagnaro che insacca! E’ il 42’, il Napoli è in vantaggio. Gli azzurri finiscono la prima frazione di gioco in crescendo, i calciatori dell’Inter sono nervosissimi: ammoniti Zanetti e Julio Cesar per proteste.

Secondo tempo – Nell’Inter non c’è più mister Ranieri in panchina espulso durante la fine del primo tempo. Pandev non ce la fa: al 5’ entra Mascara. Ed è proprio il folletto siciliano a lasciare un’impronta importantissima sul match: 11’, assist dell’attaccante azzurro per Maggio che anticipa Nagatomo e con un pallonetto insacca alle spalle di Julio Cesar. Il Napoli raddoppia e mette in cassaforte il match! Bruciante lo scatto dell’esterno azzurro. Al 16’ entra Stankovic per un impalpabile Alvarez. Ancora Napoli. 20’: uno-due tra Zuniga e Hamsik, cross in mezzo dello slovacco, Zuniga a porta vuota spara alto! Poteva essere il terzo goal. Entra Zarate tra le fila dei nerazzurri al posto di Forlan, siamo al 23’. Dopo sei minuti l’apoteosi: Lavezzi lancia Hamsik a rete, il centrocampista azzurro a tu per tu con Julio Cesar insacca. E sono tre! L’Inter è al tappeto. Il Napoli fa melina, i nerazzurri non ci sono più. Esordio per Chavez che al 33’ sostituisce l’inesorabile Lavezzi. Dopo due minuti di recupero finisce il match. Il San Siro è una bolgia azzurra, dagli spalti si ode l’inno napoletano “Oje vita, oje vita mia”. La Milano nerazzurra è stata riconquistata dopo diciassette anni. Alla faccia della scaramanzia…

 

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »