Jorginho vuole il City, il City vuole Jorginho, De Laurentiis vuole 60 milioni di euro, delle tre affermazioni una stona. Infatti il club inglese non sembra essere disposto a pagare quella cifra per il regista italo brasiliano, ma ADL fa muro e non fa sconti. Intanto l’agente di Jorginho si fa sentire, dicendo che il suo assistito desidera ardentemente volare in Inghilterra, perché essere allenato da Pep Guardiola è un’occasione che capita poche volte nella vita. In più il giocatore, secondo il suo procuratore, non rinnoverà il suo contratto con il Napoli in scadenza nel 2020, ciò significa che se non verrà ceduto in questa finestra di mercato nella prossima il suo valore scenderà di molto avendo un solo anno di contratto. L’ultima offerta del Manchester City è di 47 milioni di parte fissa più altri 5/6 di bonus facilmente raggiungibili, arrivando a toccare quasi quei 55 milioni di euro richiesti da Aurelio De Laurentiis per far partire il centrocampista della Nazionale. Proprio il presidente del Napoli ha parlato a The Sun della trattativa che potrebbe portare Jorginho a Manchester, sostenendo che è un affare in chiusura addirittura a giorni: “Non abbiamo ancora un accordo definitivo sul prezzo, però ci stiamo avvicinando alla chiusura. Può accadere di tutto, ma è possibile che si chiuda il trasferimento nei prossimi giorni. Dobbiamo negoziare, ma abbiamo un ottimo rapporto con i dirigenti del City”. Parole che sono un’apertura ampia alla cessione, pure perché trattenere un giocatore controvoglia non è molto produttivo. C’è da aggiungere che il nuovo allenatore del Napoli, Carlo Ancelotti, ha dato il suo placet alla cessione del regista carioca, anche perché preferisce un centrocampo con più muscoli rispetto al passo lento e cadenzato sudamericano.