Giuntoli:”Squadra e società lavorano in simbiosi”

Anche Cristiano Giuntoli rompe il silenzio stampa (sempre per disposizioni Uefa, come preannunciato ieri dal responsabile alla comunicazione del Napoli). Il direttore sportivo azzurro, prima della partita contro il Liverpool è intervenuto al microfono di Sky Sport. “Il lavoro è sempre quello: stare vicino alla squadra, all’allenatore, di fare da collante. In questo periodo, e specialmente oggi, stiamo pensando tanto a questa partita, perché può darci il passaggio del turno prima e ci permetterebbe di gestire il finale di anno. C’è grande voglia di far bene, siamo molto concentrati su questa gara”.
Le raccomandate sono arrivate proprio oggi. Che sfortuna. “Invece siamo stati fortunati. La partita di oggi non può distogliere nessuno con la testa. Tutti sono sereni e stanno pensando alla partita. Io dico che è una fortuna”.
Sulla formazione più prudente: “C’è volontà di arginare la loro forza, non perdere la nostra identità perché molte volte abbiamo fatto il possesso a tre e rimarremo nelle nostre posizione. Di Lorenzo, oltre ad arginare la loro spinta, può darci una gran mano in fase offensiva, tant’è che ha fatto tanti gol e assist ad Empoli. Solo diamo un occhio di riguardo a questa squadra che è la più forte del mondo”.
Un gran risultato avrebbe un effetto calmante? “In realtà noi siamo sempre stati molto bravi quest’anno in Champions League e in maniera altalenante siamo andati in campionato. Una gran prova qui darebbe un gran slancio anche in campionato. Internamente non ci sono problemi. C’è grande unità di intenti, nel voler far bene in Champions League e in campionato. Questa è la nostra forza in questo momento, pensiamo solo a questo”.
Da direttore sportivo vorrebbe parlare solo di calcio. “Amo il mio lavoro, quando posso voglio parlare di calcio”.

A proposito dell'autore

Salvatore Stiletti

Post correlati

Translate »