Ghoulam tra fisico e psiche, è in o out?

Faouzi Ghoulam, terzino sinistro francese, naturalizzato algerino, classe 91, è stato acquistato dal Napoli nell’estate 2014, dal Saint Etienne. Da inizio stagione purtroppo è entrato in un turbine mediatico, che ha coinvolto ben presto anche la tifoseria azzurra, il motivo? I suoi seri problemi fisici.

Entrando nel dettaglio della questione, dopo i suddetti infortuni, il primo patito il 2 Novembre 2017, con la rottura del legamento crociato, che con l’operazione pareva essere completamente guarito, l’8 Febbraio 2018, un nuovo problema si è palesato, questa volta con la frattura della rotula, facendo entrare il ragazzo in un “tunnel”, da cui ha fatto uscita quest’estate rinunciando alla convocazione in Coppa D’Africa, per riprendersi del tutto in ritiro. Ed in parte così è stato, utilizzato in questo inizio di stagione in maniera molto parsimoniosa dal mister Ancelotti, non costante nelle prestazioni e non convincente fino in fondo.

Questo ha fatto sì che nella tifoseria partenopea, hanno avuto modo di svilupparsi due fazioni, molto contrastanti tra di loro, la prima che pensa a Ghoulam come un buon sostituto ad un terzino sinistro titolare che al momento non c’è, la seconda che rivede in Ghoulam quello che è stato in passato insieme ad Alex Sandro della Juve, il miglior terzino sinistro d’Italia.

Ovviamente teniamo a precisare che qualsiasi sportivo può vedere una serie di infortuni importanti come un impedimento alla realizzazione effettiva della sua carriera professionale e sicuramente è stato il caso del terzino azzurro. Ancelotti in questo senso però ha sempre mostrato grande stima nei suoi confronti, ma credo sia normale utilizzarlo col contagocce, in quanto un qualsiasi problema attualmente accadesse, potrebbe essere affrontato in maniera disastrosa dal suddetto, esempio lampante del suo blocco psicologico oltre che fisico anche la continua alternanza tra tribuna (vedi Genk) e panchina (nell’ultima partita è subentrato ad Hysaj solo dopo l’infortunio del terzino albanese).

Sicuramente però la maggior parte dei tifosi azzurri pensa che Faouzi possa uscire da questo “tunnel” nel migliore dei modi, macinando sempre più minuti durante le partite, per tornare ad ammirare finalmente uno dei migliore terzini sinistri d’Europa.

 

A proposito dell'autore

Francesco Reale

Mi chiamo Francesco Reale, sono nato a Napoli ed ho 22 anni. Mi sono diplomato all’I.S.S Giancarlo Siani di Napoli ed attualmente frequento il secondo anno di università, presso la Federico II di Napoli, alla facoltà di lingue, culture e letterature moderne europee.

Post correlati

Translate »