ESCLUSIVA PN-Montervino:”Napoli in calo: incide l’aspetto mentale. Record di punti? Magra consolazione”

Francesco Montervino, ex capitano del Napoli, ha rilasciato un’intervista in esclusiva ai microfoni di Pianetanapoli.it facendo il punto sull’attuale momento negativo dei partenopei, con una proiezione verso Napoli-Chievo: una gara ‘speciale’ per lui.

1) Nell’ultimo mese il Napoli ha fatto registrare una sola vittoria (di misura), due pareggi ed una sconfitta: si tratta di un calo fisico?

Considerando le ultime prestazioni ed i risultati potrebbe anche trattarsi di un calo da un punto di vista fisico, dovuto probabilmente alla gestione di determinati calciatori che hanno disputato tantissime partite, tuttavia a mio avviso è stato più l’aspetto mentale e psicologico a fare la differenza. Gli azzurri sono venuti un pò meno in una fase cruciale della stagione non riuscendo a tenere il passo della Juventus e perdendo punti contro squadre più competitive, quali Roma ed Inter, contro cui si poteva compiere il passo decisivo per la corsa al titolo. Ciò nonostante, confido ancora in questo finale di stagione.”

2) Maurizio Sarri ha dichiarato che il proprio obiettivo è quello di superare il recordi di punti (quota 86): voleva soltanto allentare la pressione attorno ai propri uomini oppure è davvero questa la vera aspirazione?

Certamente mi auguro che la vera aspirazione non sia questa. Diciamo che il record di punti sarebbe soltanto una ‘magra’ consolazione’ per il mister. E’chiaro che anche Sarri è consapevole che 87 punti non sono sufficienti per vincere lo Scudetto perchè la Juventus supererà agevolmente questa quota. Sappiamo tutti che l’obiettivo del collettivo quest’anno è il campionato. Le parole del tecnico azzurro penso siano un modo per alleviare la pressione che si è creata attorno alla squadra.

3) Napoli-Chievo è una partita particolare per te, che siglasti la prima rete in Serie A proprio contro i veronesi nel 2009…

“Esatto, quella è una gara che non potrò mai dimenticare. Ammetto che è stato il momento più bello perchè ho realizzato il mio primo ed unico gol in Serie A, ma allo stesso tempo anche il momento più brutto della mia carriera poichè era l’ultima giornata, nonché la mia ultima partita con la maglia del Napoli; sono state emozioni fortissime.”

4) Quali sono le difficoltà che il Napoli potrà trovare nel prossimo match contro la compagine di Maran?

“Sono esattamente le medesime insidie che ci sono state nella precedente partita di Reggio Emilia. Ci troviamo dinanzi a formazioni dal tasso tecnico nettamente inferiore rispetto al Napoli, ma che sono in piena lotta per la salvezza e di conseguenza danno il meglio di loro stesse quando scendono in campo. Servirà un approccio decisamente migliore, cercando di sbloccare l’incontro il prima possibile. In questo periodo posso affermare che il pubblico è l’unica vera certezza del Napoli, il calore e l’affetto della tifoseria partenopea si farà sentire fino alla fine. Ai calciatori serve tantissimo il sostegno dei propri tifosi, se lo meritano. ‘Milik?’ Non so quale sia il suo minutaggio, certo è che contro il Sassuolo ha dimostrato di essere in ottima condizione. Va tenuto sicuramente in considerazione!”

A proposito dell'autore

Giuseppe Lombardi

Post correlati