Esclusiva pianetanapoli.it – Jacobelli (direttore Corsport.it): “Sarri va giudicato sul campo. Io pero’ avrei scelto Bielsa”

Il Napoli inizia a prendere forma. Il prossimo allenatore scelto da Aurelio De Laurentiis, salvo colpi di scena, sarà Maurizio Sarri con il nuovo direttore sportivo Cristiano Giuntoli, liberatosi proprio ieri dal Carpi. Per comprendere meglio la situazione in casa Napoli, la redazione di pianetanapoli.it ha intervistato in esclusiva il direttore del Corriere dello Sport.it, Xavier Jacobelli. Ecco le sue dichiarazioni sull’ex allenatore Rafa Benitez e sul Napoli che verrà:

BENITEZ –  “Non si possono dimenticare la Coppa Italia e la Supercoppa italiana vinta dall’allenatore spagnolo. Nella stagione che si appena conclusa, però,  i risultati non sono stati quelli che la società, la squadra e lo stesso allenatore si erano prefissati ad inizio anno. Il Napoli ha voltato così pagina”. 

SARRI“L’ufficialità di Sarri? Non credo che De Laurentiis ci stia ripensando. Ci sono stati incontri a Roma nella sede della FilmAuro nei giorni scorsi. In questo momento, non vedo problemi che possano determinare un’inversione di rotta da parte del Napoli e dell’ex allenatore dell’Empoli. Sarri non ha esperienza internazionale? Certo, ma comincerà a maturarla proprio a Napoli. Per la gestione dello spogliatoio non credo possano esserci dei problemi, anzi è una vera opportunità per il tecnico per fare un salto di qualità allenando una squadra che punterà al vertice del campionato. Non vedo perché si debba parlare di ridimensionamento: io giudico le persone sulla base dei fatti. Benitez è uno dei tecnici che gode di maggiore esperienza  a livello internazionale, ma nell’ultima stagione non ha raggiunto gli obiettivi prefissati. Credo che gli uomini debbano essere giudicati dai fatti senza appiccicare loro etichette o stereotipi: Sarri si è conquistato il diritto di allenare in Serie A. Poi, come sempre, sul campo parleranno i risultati e dobbiamo far lavorare Sarri tranquillamente. E’ impensabile veder giocare il Napoli a meraviglia dal primo giorno di ritiro. Il nuovo tecnico va incoraggiato”.

BIELSA – “Io avrei visto molto bene Bielsa sulla panchina del Napoli. E’ un allenatore che stimo molto, dotato di grande carattere. Spero che il calcio italiano prenda in considerazione, prima o poi, l’allenatore argentino”. 

DE LAURENTIIS“C’è stato il no di Emery. Se l’allenatore del Siviglia avesse accettato l’offerta del Napoli, ora sarebbe l’attuale tecnico dei partenopei. Dopodiché De Laurentiis ha cambiato obiettivo dopo il rifiuto di Emery e, a mio avviso, ha fatto benissimo a puntare su Sarri. Questo signore ha lavorato in maniera splendida alla guida dell’Empoli. E’ arrivato in Serie A partendo dalla gavetta vincendo campionati su campionati. Credo che il Napoli abbia preso una direzione assolutamente da condividere. Arriverà anche il ds Giuntoli che in Emilia ha fatto benissimo”.

MERCATO – “Il reparto da rinforzare, lo dicono i numeri, è la difesa. Poi ci vuole un centrocampista di qualità: Valdifiori potrebbe fare al caso del Napoli. Higuain è un capitale assoluto della società di De Laurentiis. Se andrà via? Dipenderà dal Napoli e dallo stesso Higuain. In questo momento è molto prematuro affermare che “El Pipita” parta in maniera certa. Molte squadre lo vogliono, è normale: è uno degli attaccanti più forti del mondo con una media realizzativa impressionante. Il Napoli ha tutto il tempo per decidere cosa fare e per trovare un’alternativa valida all’attaccante argentino”.

Translate »