CHE FATICA NAPOLI, MA ARRIVA LA QUALIFICAZIONE! E VARGAS “STECCA” LA PRIMA…

CHE FATICA NAPOLI, MA ARRIVA LA QUALIFICAZIONE! E VARGAS “STECCA” LA PRIMA... src=

LE PAGELLE DI VINCENZO MUGIONE

Rosati 6; ordinaria amministrazione per il secondo di De Sanctis, non ha grandi occasioni di mettersi in evidenza. Incolpevole sul gol del Cesena.

Fernandez 5,5; non male nell’uno contro uno quando si trova gli avversari di fronte che puntano la porta, ma sbaglia ancora tanto in disimpegno e nei movimenti corali della difesa.

Cannavaro 6; il migliore della retroguardia, dirige con personalità i compagni e non regala nulla agli avversari.

Britos 6; buona prestazione dell’ex bolognese, all’esordio in gara ufficiale con la maglia azzurra dopo il brutto infortunio dell’estate. In avvio manca comprensibilmente un pò la misura, ma poi torna in carreggiata e non sfigura.

Zuniga 6,5; una spina nel fianco per i romagnoli. Affonda con insistenza, conquista numerosi falli e copre bene anche in difesa. Tra i migliori della serata.

Inler 5; prova a dare ordine alla manovra, ma è troppo lento e la sua partita non decolla. Se aggredito perde lucidità, Mazzarri lo sostituisce con Maggio per dare una scossa.

Dzemaili 5,5; è propositivo e consegna qualche buon pallone agli attaccanti, ma continua a perdere troppi palloni esponendo la squadra al rischio delle ripartenze avversarie.

Dossena 6; il Napoli preferisce giocare sulla destra, e i compagni ignorano spesso e volentieri i suoi veloci inserimenti. Ma è sempre presente e macina chilometri…

Hamsik 7; ottima la prestazione di marechiaro. Tanta intelligenza nelle aperture, giusto tempismo e sguardo sempre alto alla ricerca del compagno. Veste i panni del geometra avanzato, e non sbaglia un pallone.

Vargas 5; il voto è d’incoraggiamento. Spaesato, anche sfortunato con la deviazione che serve l’assist vincente a Popescu. Deve ancora ambientarsi e conoscere i movimenti dei compagni, ed infondo questa prestazione era quasi nell’aria viste le numerose pressioni. Prendiamola come una serata di “studio”…

Cavani 6,5; da sempre l’anima come al solito. E’ un po sfortunato in alcune circostanze, ma non sveste mai i panni del cecchino infallibile quando gli capita l’occasione giusta. Grande attaccante!

Maggio 5,5; entra nella ripresa e stavolta divide la fascia con Zuniga. Ma non è il Maggio brillante che conosciamo, e non cambia marcia…

Pandev 7,5; si conferma in un momento d’oro. Batte la punizione dalla quale scaturisce il pareggio di Cavani, e mette a segno la rete del 2-1 direttamente da calcio piazzato. Ma è anche molto lucido nelle giocate, e la sua enorme tecnica riesce a fare la differenza. Decisivo.

Donadel 6; entra e dopo tanti mesi di inattività non soffre il ritorno in campo. Gioca pochi minuti, ma lo fa con grinta e personalità. Questo Donadel potrebbe essere davvero utile…

All. Mazzarri 6,5; la squadra soffre, ma alla fine porta a casa la qualificazione. Se si vuole essere pignoli, anche questa sera sono emerse le solite difficoltà storiche del suo Napoli a scalfire gli avversari asserragliati in difesa, ed infatti i due gol non arrivano da manovre ma da calci da fermo. Ma in queste partite conta vincere,  e il Napoli lo ha fatto.

arbitro Doveri 6,5; arbitra con personalità una partita che in qualche circostanza ha rischiato di innervosirsi.

Translate »