CAVANI NON BASTA, IL NAPOLI CHIUDE CON UNA SCONFITTA A ROMA

CAVANI NON BASTA, IL NAPOLI CHIUDE CON UNA SCONFITTA A ROMA src=

Roma (4-2-3-1): Lobont, Torosidis ( 66' Piris), Burdisso, Castan, Dodò ( 79' Perrotta), Bradley, Tachtsidis, Lamela, Pjanic ( 75' Florenzi), Marquinho, Destro. Panchina: Goicoechea, Svedkauskas, Romagnoli, Taddei, Lopez, Lucca, Osvaldo. Allenatore: Andreazzoli

Napoli (3-4-1-2): Rosati, Rolando, Cannavaro ( 72' Calaiò), Britos ( 52' Armero), Maggio, Behrami, Dzemaili, Zuniga, Hamsik, Pandev ( 6' El Kaddouri), Cavani. Panchina: De Sanctis, Colombo, Gamberini, Grava, Mesto, Inler, Radosevic, Donadel. Allenatore: Mazzarri

Arbitro: Luca Banti di Livorno. Assistenti di linea: Passeri-Costanzo. Assistenti di porta: Pinzani-Candussio. IV uomo: Paganessi

Marcatori: 46' Marquinho, 58' Destro, 83' Cavani

Ammoniti: 77' Destro, 79' Rolando, 84' Dzemaili, 86' Armero

Minuti di recupero: 3' p.t., 4' s.t.

Pre-partita: All'Olimpico va di scena l'ultima recita del Napoli in questo campionato, si incrociano il miglior attacco del campionato, quello azzurro, e il terzo, le reti non dovrebbero mancare. Andreazzoli, in vista della finale di Coppa Italia, attua un turnover equilibrato schierando Lobont in porta, difesa a quattro con Castan e Burdisso centrali e la coppia Dodò-Torosidis sulle fasce, mediana composta da Bradley e Tachtsidis con Lamela, Pjanic e Marquinho che giostrano dietro l'unica punta Destro. Mazzarri, alla sua probabilissima ultima panchina con il Napoli, risponde con Rosati in porta, difesa a tre composta da Rolando, Cannavaro e Britos, Maggio e Zuniga sulle fasce e il duo svizzero Dzeamili-Behrami sulla mediana, chiudono la composizione degli undici in campo Pandev e Hamsik dietro il capocannoniere della serie A Cavani.

Primo tempo: Parte subito forte il Napoli che dopo neanche un minuto conquista un calcio d'angolo su cross di Maggio, ma l'azione successiva non porta nulla di concreto. Problemi per Pandev al 3' che si contorce al suolo e deve uscire, al suo posto entra El Kaddouri, per il macedone si dovrebbe trattare di una distorsione alla caviglia destra. Britos atterra Destro al limite dell'area, punizione per i giallorossi battuta da Pjanic respinta in angolo da Rosati. All'11' cross invitante di Hamsik per Maggio, ma l'esterno non ci arriva per un soffio. Grandissima palla di Hamsik per Cavani al 15', ma il Matador non trova lo specchio della porta. Ripartenza Roma al 18' con Lamela che appoggia per Destro, l'attaccante si gira bene ma svirgola la conclusione. Ancora un ispiratissimo Hamsik serve El Kaddouri in area che stoppa in maniera sontuosa ma viene chiuso da Castan. La risposta dei padroni di casa non si fa attendere, al 20' bel cross di Torosidis per Destro ma Cannavaro chiude tutto e salva i suoi. A metà ripresa meglio il Napoli che i padroni di casa, gli azzurri sono sempre pericolosi con i tagli in area dei suoi uomini. Brutto errore di Zuniga al 28' che sbaglia il disimpegno, ma la Roma non approfitta. Al 32' intervento pulito di Behrami su Marquinho, il centrocampista rimane a terra ma si rialza dopo poco. Affondo di Hamsik sulla fascia al 34', il suo cross viene deviato in angolo da Dodò, Dzemaili batte male. Cannavaro compie un intervento notevole su Pjanic ma vuole strafare e regala il pallone a Lamela, magia dell'argentino che però cade da solo in area. Grandissima azione di Cavani in area al 40', ma l'uruguagio viene sbilanciato da Torosidis al momento del tiro, sulla ripartenza della Roma chiusura sublime di Rolando su Marquinho. Incredibile occasione Roma allo scadere, Marquinho tira e salva Rosati, Destro a porta vuota tira sul palo, palla ancora per l'attaccante, ma Cannavaro salva sulla linea. Dopo tre minuti di recupero l'arbitro manda tutti negli spogliatoi, Hamsik una spanna sopra tutti, i giallorossi sprecano una grande occasione nel finale. Ci auguriamo di vedere anche i gol nella seconda frazione, le occasioni in questi primi quarantacinque minuti non sono mancate.

Secondo tempo: Dopo appena un minuto la Roma trova il vantaggio con un bellissimo gol di Marquinho che di esterno destro non lascia scampo a Rosati. La gara si è accesa subito con i padroni di casa scesi in campo molto determinati, intanto si scaldano Armero e Calaiò a bordocampo. E' proprio l'esterno colombiano a fare il suo ingresso in campo in luogo di Britos, siamo al 52'. Reazione Napoli al 56' con Armero che mette un bel cross per Dzemaili ma lo svizzero non colpisce il pallone in maniera adeguata. Raddoppio Roma al 58' con Destro che fa sedere a terra Rolando con una finta e scaglia un bel tiro verso Rosati che viene beffato in contro tempo. Uno scatenato Marquinho sfiora il tris al 61', ma la deviazione di Behrami salva il Napoli. Proteste vibrate dei padroni di casa per un intervento di Behrami su Dodò, ma l'arbitro non lo reputa da fallo. In questa fase del match il Napoli prova una reazione ma di concreto si vede ben poco. Tra un pò toccherà a Florenzi entrare in campo, intanto Armero prova un affondo interessante ma sbaglia il passaggio, siamo al 70'. Calaiò fa il suo ingresso in campo per Cannavaro, l'assetto è decisamente a trazione anteriore. Al 77' bel cross di Calaiò per Hamsik, ma lo slovacco non trova la porta. Fallo ingenuo di Rolando a metà campo su Destro, ammonizione sacrosanta per il capoverdiano naturalizzato portoghese. All'81' Dzeamaili guadagna una punizione interessante al limite dell'area, ma il tiro di Cavani sbatte sulla barriera. All'83' accorcia le distanze Cavani che sfrutta di un'uscita errata di Lobont, per l'attaccante è la rete numero 104 con la maglia partenopea. Quattro minuti di recupero con le due squadre ormai lunghissime, al 90' botta da fuori di Lamela, ma salva Rosati. Al 92' ancora Roma con Florenzi ma Rosati gli dice no, sulla ripartenza prova Cavani ma il suo tiro termina fuori. Sconfitta indolore per il Napoli che si appresta ad accogliere l'ormai sicuro addio di Mazzarri. Applausi per il capocannoniere della serie A Cavani che con ventinove reti ha sbaragliato la concorrenza. Si chiude una grandissima stagione per gli azzurri che hanno conquistato un meritatissimo secondo posto. Da domani si inizierà a progettare la prossima stagione, sperando che questa squadra venga rinforzata in maniera oculata e mirata per continuare la crescita costante che ci porti a lottare per lo scudetto e a disputare una Champions League da protagonisti.

A proposito dell'autore

Avatar

Post correlati

Translate »