CASALE:IL NAPOLI HA SBAGLIATO LA CAMPAGNA ACQUISTI

CASALE:IL NAPOLI HA SBAGLIATO LA CAMPAGNA ACQUISTI src=
Probabilmente nessuno meglio di lui può presentare il derby Napoli-Juve Stabia. Essendo un ex calciatore azzurro ed ex tecnico delle vespe, Pasquale Casale, dice la sua sulla partita in programma domenica al San Paolo. Casale invita gli azzurri a non sottovalutare la Juve Stabia e intanto "critica" Reja per alcune delle sue scelte.

Mister Casale, da allenatore, come vede questo derby Napoli-Juve Stabia?

"Come tutti i derby campani sarà sicuramente una partita difficile per entrambe le compagini. Francamente mi aspettavo di vedere la Juve Stabia tra le prime in classifica e anche qualcosina in più sul piano del gioco. Il Napoli troverà sicuramente una squadra arrabbiata e per questo dovrà mantenere alta la concentrazione per tutta la durata della partita".

Se potesse sedere sulla panchina azzurra, anche lei cambierebbe di continuo Calaiò?

"E’ antipatico dire questo ma il calcio è fatto di attaccanti. Qualcuno si sorprenderà di questa mia frase visto che mi hanno sempre considerato un difensivista ma giocare con un maggiore peso in avanti è meglio. Per questo dico che il Napoli dovrebbe giocare con Sosa-Calaiò in attacco. Insieme li vedo benissimo. A Calaiò piace girare intorno ad un attaccante boa per questo credo che sarebbe la soluzione tattica migliore. Con Pià e Capparella sugli esterni, considerando che quest’ultimo può assicurare anche una discreta fase difensiva. Questa soluzione, però, difficilmente può essere applicata ora al Napoli. Non ha un centrocampo di quantità e quindi rischierebbe di prendere un solo contropiede a partita che però potrebbe risultare decisivo ai fini del risultato. Attualmente Reja ha un centrocampo troppo lezioso. Fontana, che conosco benissimo, non è adatto a giocare in quel ruolo. Lo stesso Montervino, che è da elogiare per la sua generosità, è spesso tatticamente indisciplinato in quanto si spinge in sortite offensive che lasciano scoperto il centrocampo. Per questo Reja deve tener fuori gli attaccanti, sono scelte obbligate frutto di errori di mercato. Al Napoli servivano centrocampisti di quantità. Prendiamo come esempio la Juventus: Capello può giocare con una squadra votata all’attacco perché in estate a chiesto esplicitamente Vieira in modo da formare una diga a centrocampo con Emerson. Solo Reja, comunque, può avere il polso della situazione perché devi sedere in panchina per avere il quadro completo".

Per lei, quindi, il Napoli ha bisogno di rinforzi per vincere il campionato?

"Non dico che il Napoli è incompleto. E’ costruito per giocare con una punta. Penso che con centrocampisti di quantità in mezzo al campo potrebbe esprimersi meglio. E’ un po’ come nel ciclismo: non potrai mai vincere qualcosa di importante se non hai dei gregari all’altezza".

Perché il Napoli trova tutte queste difficoltà a sfondare nelle difese avversarie?

"E’ un problema di continuità. Per me, ad esempio, gli azzurri hanno giocato meglio a Pistoia, in attacco, rispetto che a Lucca. Eppure i risultati sono ben diversi. Il Napoli non deve pensare al luogo comune della categoria. Deve giocare da Napoli e questo non per presunzione ma perché deve imporre il proprio gioco".

Quali sono gli uomini, tra le due squadre, che possono decidere la gara di domenica?

"In questa partita avrei visto bene Sosa ma l’argentino, per problemi fisici, non ci sarà. Per il Napoli vedo bene Calaiò, Capparella e lo stesso Fontana che potrebbe decidere la gara con qualche sua punizione, anche se è stato spesso sfortunato nelle esecuzioni da calcio da fermo che pure sono il suo forte. Per le vespe, invece, occhio a Molino, Ambrosi e soprattutto Castaldo che, secondo me, ha ampi margini di miglioramento e presto lo vedremo in categorie superiori".

Qual’è il suo pronostico per Napoli-Juve Stabia?

"Non faccio pronostici ma dico che il Napoli è sicuramente più forte ed inoltre gioca in casa. Occhio, comunque, a questa Juve Stabia, i derby sono imprevedibili. Ripeto, se il Napoli la mette su piano della categoria non avrà vita facile".

Translate »