Careca a TMW: “Italia resta unita e fatti forte. Gattuso? Ha lo spirito del napoletano verace”

Antonio Careca, parla dal Brasile e racconta di sè, dell’emergenza Coronavirus e del suo Napoli:

“Il mio centro sportivo a Campinas è chiuso perchè così ci ha chiesto il Comune. Però passo dal centro con qualche ragazzo rispettando tutte le precauzioni, pochissimi bambini. Si scherza un po’ e poi si torna subito a casa. Faccio un po’ di esercizi, anche con la cyclette”

“Anche qui è stato fermato il campionato paulista. Ormai tutto lo sport ha deciso di fare uno stop. La vedo difficile riprendere in Italia, la situazione è gravissima. E’ un gran rischio. E’ vero che di mezzo c’è anche una questione economica però per ricominciare deve esserci la sicurezza al 100% per tutti. Ho sentito parlare delle porte chiuse ma se poi come è successo qui in Brasile i tifosi si radunano fuori dallo stadio è un pericolo lo stesso”.

Gattuso in panchina che effetto le ha fatto?

“Non aveva iniziato bene poi si è ripreso. Gattuso ha lo spirito del mastino napoletano. A Napoli serve essere duri e ai tifosi piace un tecnico così. E’ giusto e la squadra ultimamente ha reagito. Peccato per quei problemi che ci sono stati col presidente e suo figlio, ma poi mi sembra che almeno in campo le cose si siano riaggiustate. Quanto al campionato la Juve è sempre in testa ma ora c’è una Lazio molto competitiva e va fatto un plauso all’Atalanta per come sta andando anche in Champions. Qui in Brasile tanti giornalisti mi chiedono come faccia ad essere così forte questa squadra. Ne parlavo qualche giorno fa anche con Alemao. E’ una formazione competitiva ma che non aveva questa tradizione a livello europeo”.

Adesso chi consiglia all’Italia tra i calciatori brasiliani?

“Mi piace Bruno Henrique del Flamengo, centrocampista veloce e dal gran potenziale Il Fla adesso si è rinforzato molto, ha fatto ottimi acquisti. E’ molto forte Rodrygo che dal Santos è passato al Real Madrid. Ma è da tener d’occhio anche Igor Vinicius, terzino giovane classe ’97 che ora è al San Paolo. Ha qualità e può crescere parecchio”.

Fonte: Tuttomercatoweb

A proposito dell'autore

Francesco Reale

Mi chiamo Francesco Reale, sono nato a Napoli ed ho 22 anni. Mi sono diplomato all’I.S.S Giancarlo Siani di Napoli ed attualmente frequento il secondo anno di università, presso la Federico II di Napoli, alla facoltà di lingue, culture e letterature moderne europee.

Post correlati

Translate »