CALLEJON E’ STANCO E POCO LUCIDO, COME FARE?

 

ACCUSA(PM. LUIGI GIORDANO)
Jose Maria Callejon al servizio del Napoli. Il talento spagnolo non ha realizzato nemmeno una rete perché per volere di Ancelotti si è messo al servizio della squadra nel 442 in cui il suo ruolo è quello di dare ancora maggiore una mano in fase difensiva. Questo lo porta a dare comunque il suo contributo sotto porta, ma sono tanti i gol divorati dal giocatore andaluso per imprecisione e mancanza di lucidità. Il problema che al momento Jose è stanco anche per fare il lavoro di contenimento, a Bergamo lo abbiamo visto sbagliare tanti appoggi banali e questo comporta un deficit per la squadra. Ora due sono le soluzioni: o gli viene concesso un po’ di riposo ed in tale senso l’infortunio di Verdi ha penalizzato Ancelotti nella sostituzione naturale o lo si porta piu’ vicino alla porta, magari chiedendo ad Allan di giocare come intermedio di destra per coprirlo e tenere bloccato Maksimovic o Hysaj a seconda di chi sceglie Ancelotti
DIFESA(AVV.ANTONIO LEMBO)
Callejon è un perno imprescindibile dell’undici azzurro. Dopo l’era Benitez, ogni anno lo spagnolo è stato messo nelle lista dei possibili partenti in quanto ritenuto non adatto agli schemi dei nuovi alleantori, Sarri prima ed Ancelotti ad inizio di questa stagione, per poi diventare elemento tattico chiave negli schemi dei rispettivi tecnici. Anche adesso, con o senza gol all’attivo, il suo apporto è sempre stato tra i più positivi e non vanno dimenticati i tanti assist forniti. L’unica vera gara saltata, quella di Genova con la Samp, è stata anche una delle sconfitte più sonore dell’era Ancelotti e anche contro il Chievo, nel pareggio casalingo, la sua assenza si è fatta sentire. Né Ounas né altri riescono a fare il suo lavoro. Forse Malcuit, che ha un passato da ala destra, potrebbe essere provato per dargli respiro, più che snaturare il modulo che sta facendo le fortune di Ancelotti. A Bergamo Callejon ha mostrato qualche appannamento ma ha svolto un lavoro difensivo importante sulla zona esterna dove si proponevano spesso anche tre giocatori orobici. Tatticamente il nuovo ruolo nel 4-4-2 lo tiene un po’ più lontano dalla porta ma i suoi proverbiali tagli sono sempre mortiferi per gli avversari. Come per Hamsik, paga i nuovi compiti, ma anche per lui verrà il momento di sbloccarsi in zona gol come lo è stato per il Capitano. Magari proprio nella gara di Anfield dove l’esperienza e la lucidità tattica di Callejon saranno decisivi per portare a casa il risultato.

A proposito dell'autore

Luigi Giordano

Post correlati

Translate »