Cagliari – Napoli 0-1: Meno male che c’è Milik

Napoli lento e impacciato

Ancelotti schiera un Napoli con Malcuit e Ghoulam sugli esterni bassi e Ruiz dietro Milik, sono in panchina Mertens, Insigne e Callejon. Ne esce fuori un primo tempo con gli azzurri che sembrano lenti e sonnacchiosi, infatti si conta un solo tiro in porta degli azzurri con Fabian Ruiz peraltro estremamente debole e centrale. Il Cagliari è attento e ben organizzato e riparte in contropiede appena può, infatti è più insidioso del Napoli, ma non crea pericoli eccessivi ad Ospina. Gli uomini di Ancelotti, invece, non creano quasi nulla se non un paio di buone giocate di Ounas, che però sbaglia molti passaggi e si lascia prendere troppo dalla giocata personale, Diawara a centrocampo sembra involuto, il solo Allan tiene botta, ma da solo non può impostare trame di gioco accettabili, in attacco Milik è poco servito anche se cerca di correre su ogni pallone. Insomma primo tempo senza emozioni e Napoli bruttino e che non sembra scuotersi, partita che si preannunciava difficile e lo sta diventando sempre di più.

 

Meno male che c’è Milik

Nella seconda frazione di gioco gli azzurri si svegliano e nei primi quindici minuti creano più di quello che avevano creato nel primo tempo, mentre il Cagliari ha speso tantissimo e man mano esce dal gioco e non si fa più pericoloso. Pochi minuti della ripresa c’è un uno-due tra Fabian e Milik, gran giocata dello spagnolo, la palla danza sulla linea di fondo, poi sul cross basso decisivo il salvataggio di Romagna a due passi dalla linea. Ancora Napoli con Fabian Ruiz che sbaglia un rigore in movimento dopo che era stato ben servito da un ottimo Malcuit, poi è il turno di Milik, ma il suo tiro finisce fuori di poco e Ghoulam che ci prova direttamente da calcio d’angolo. Entrano Mertens ed Insigne per Diawara ed Ounas, il Napoli è tutto in avanti alla ricerca del gol. Ci va molto vicino con Milik che colpisce la traversa, poi ci prova anche Zieliski con un bel tiro da fuori area. Entra anche Callejon che va a fare il terzino al posto di Malcuit, nel frattempo molti calciatori del Cagliari sono alle prese con i crampi e il Napoli ne approfitta. Infatti vengono concessi sette minuti di recupero, al primo di recupero Mertens viene atterrato al limite dell’area, Milik chiede di battere la punizione e con un meraviglioso sinistro batte Cragno per il meritato vantaggio del Napoli. Il Cagliari non ne ha per reagire, finisce con la vittoria dei partenopei, che vincono una partita chiusa che poteva essere decisa solo da un’azione da palla ferma, intanto la Juve è sempre in testa, ma solo Ancelotti ed i suoi tengono vivo questo campionato.

 

TABELLINO

CAGLIARI – NAPOLI 0-1

Cagliari (4-3-2-1): Cragno; Pisacane (41′ st Cigarini), Romagna (34′ st Andreolli), Klavan, Padoin; Faragò, Bradaric, Barella; Ionita; Joao Pedro, Farias (24′ st Sau). A disp.: Aresti, Rafael, Pajac, Dessena, Cerri. All.: Maran

Napoli (4-4-1-1): Ospina; Malcuit (35′ st Callejon), Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Ounas (26′ st Insigne), Allan, Diawara (17′ st Mertens), Fabian Ruiz; Zielinski; Milik. A disp.: Meret, Karnezis, Hysaj, Albiol, Luperto, Hamsik, Rog, Younes. All.: Ancelotti

Arbitro: Daniele DOVERI

Assistenti di linea: Lo Cicero – Ranghetti

IV: Serra                         VAR: Mariani                       AVAR: Marrazzo

Marcatori: 46′ st Milik (N)
Ammoniti: Padoin (C), Maksimovic (N), Insigne (N), Sau (C)

Recupero: 2’ pt, 7’ st.

A proposito dell'autore

Rosario Verde

Maturita’ classica. Attestato di Intelligence e Spionaggio Industriale conseguito presso L’Iscom, istituto superiore delle comunicazioni e delle tecnologie dell’informazione.Giornalista, curatore di rubriche e membro della redazione presso il giornale cittadino “Zapping” di Casandrino. Amante del Latino, si definisce un malato della maglia azzurra. Lettura e scrittura, tecnologie, sport, viaggi sono i suoi hobby nel tempo libero.

Post correlati

Translate »