CAGLIARI E NAPOLI DANNO VITA A UN PAREGGIO DIVERTENTE: FINISCE 0-0

CAGLIARI E NAPOLI DANNO VITA A UN PAREGGIO DIVERTENTE: FINISCE 0-0 src=

Cagliari (4-3-2-1): Agazzi; Pisano (42’ st Perico), Astori (20’ pt Ariaudo), Canini, Agostini; Conti, Biondini, Nainggolan; Cossu; Thiago Ribeiro (33’ Ibarbo), Nenè. A disposizione: Avramov, Rui Sampaio, Ekdal, Larrivey. All. Ficcadenti.

Napoli (3-4-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Fernandez, Aronica; Zuniga, Dzemaili, Gargano (26’ st Inler), Dossena; Santana (22’ st Maggio), Lavezzi (10’ st Hamsik); Cavani. A disposizione: Rosati, Fideleff, Cannavaro, Mascara. All. Mazzarri.

Arbitro: Banti di Livorno. Assistenti: Niccolai di Livorno – Copelli di Mantova.

Ammoniti: Lavezzi (N), Nenè (C), Conti (C), Cossu (C), Maggio (N).

Angoli: 8-4 per il Cagliari.

Possesso palla: 41%-59% per il Napoli.

Recupero: 2’pt, 4’ st.

Il Napoli torna dal capoluogo sardo con un punto che muove la classifica. Azzurri pericolosi con Santana in più di un’occasione, Cagliari che ha saputo reggere la pressione soprattutto in mediana. Risultato giusto anche per le statistiche.Le formazioni – Nel Cagliari difesa confermata con Pisano e Agostini sulle fasce, Astori e Canini centrali davanti ad Agazzi; centrocampo di spessore con Conti, Biondini e Nainggolan; Cossu dietro le due punte Thiago Ribeiro e Nenè, panchina per Larrivey. Tra le fila del Napoli un po’ di turnover: nel pacchetto arretrato ci sono Campagnaro, Fernandez e Aronica con De Sanctis fra i pali; in mediana ci sono Dzemaili e Gargano, sugli esterni Zuniga e Dossena; al posto di Hamsik troviamo Santana che insieme a Lavezzi agiscono dietro Cavani.

Primo tempo – Partita che inizia in un clima a dir poco surreale in seguito alla scomparsa del pilota di MotoGp Marco Simoncelli. Minuto di raccoglimento per ricordarne la prematura morte. Il match inizia subito bene per il Napoli: 2’, cross di Zuniga dalla destra, Dossena colpisce di controbalzo in area di rigore e palla che esce di pochissimo. Al 4’ il Cagliari si rende pericoloso: Gargano perde palla a centrocampo ai danni di Nenè, l’attaccante brasiliano si invola verso l’area di rigore azzurra ma viene fermato da De Sanctis. Ancora Napoli: 6’, Santana vince il contrasto con Astori, diagonale dalla destra che va fuori. 20’, Astori esce infortunato in seguito ad un intervento di Lavezzi, al suo posto entra Ariaudo. 24’, il Cagliari ci prova con Nenè: colpo di testa dell’attaccante su calcio di punizione di Cossu e palla che batte sulla parte superiore della traversa. Azzurri che vanno vicini al goal al 33’: angolo di Lavezzi, sponda di Cavani di testa verso Santana che tutto solo si gira in area e di destro coglie il palo ad Agazzi battuto! Che sfortuna! Al 34’ il Cagliari coglie un’altra traversa, questa volta è Nainggolan che con un tiro di destro da fuori area colpisce il legno. La sfortuna perseguita Santana: 40’, cross dalla sinistra di Dossena, colpo di testa del calciatore argentino, Agazzi si rifugia in angolo. Biondini pericoloso al 42’: girata di destro in area, De Sanctis mette in corner. Finisce la prima frazione di gioco dopo due minuti di recupero.

Secondo tempo – Cagliari pericoloso all’8’: traversone di Cossu dalla destra, colpo di testa di Conti che va a lato. 10’, entra Hamsik al posto di Lavezzi. 13’, tiro da fuori di Dossena, Agazzi para in due tempi. 22’ esce Santana ed entra Maggio. Al 26’esce Gargano per problemi muscolari, al suo posto entra Inler. Al 29’ ci prova Thiago Ribeiro a centro area, Aronica si oppone per due volte. Contropiede del Napoli al 30’ partito da Zuniga, centrale per Hamsik, palla sulla destra per Dzemaili che rientra sul destro ma il tiro risulta troppo debole. 33’ entra Ibarbo al posto di Thiago Ribeiro. 38’, occasione per il Napoli: passaggio di Dzemaili per Maggio che dalla destra ci prova rasoterra, Agazzi respinge. 42’, esce Pisano per infortunio ed entra Perico. Finisce il match dopo quattro minuti di recupero. Un pareggio sostanzialmente giusto per quanto fatto vedere in campo dalle due compagini. Turn over giusto questa volta che premia in parte le scelte di Mazzarri. Altro tour de force: tre partite in dieci giorni. Avanti Napoli, la stagione sta entrando nel vivo.

A proposito dell'autore

Post correlati

Translate »